Passa ai contenuti principali

The Judge

Seconda recensione di oggi, e tornano i film al cinema, titolo che ho scelto è The Judge, ultima prova di recitazione del rinato Robert Downey Jr che qui recita con un mostro sacro come Robert Duvall.
Entrambi sono un padre e un figlio in conflitto tra loro da anni, tanto da non parlarsi da anni.

L'occasione per rivedersi, avviene alla morte della madre, Hank Palmer ritorna a casa, anche se le cose non andranno come ha sperato.
Ritrova così una situazione che in realtà non è mai cambiata, in quella piccola cittadina di provincia dove tutti conoscono tutti, ma qualcosa accadrà: il padre di Hank verrà accusato di omicidio per aver investito una persona con la sua macchina, e così il giudice Palmer, diventa imputato e a difenderlo sarà pure Hank, e qui riaffioriranno i vecchi conflitti mai sopiti del tutto, ma forse non tutto il male viene per nuocere...nonostante sia prossimo al divorzio, al bar dove lui, suo padre e i suoi fratelli, reincontra la sua vecchia fiamma del liceo...

Non me la sento di stroncare The Judge, primo perchè non è un brutto film, è una classica storia americana che seppur, non presenta niente di nuovo a renderlo intrigante e piacevole è propio il modo in cui viene raccontata.
Si tratta di un film onesto, la cui solidità sta nella bravura dei due istrioni, che si scontrano verbalmente, padre e figlio, che fanno uscire i loro scheletri nell'armadio, e i loro vecchi conflitti con rancori annessi, beh è ovvio che la fiamma divamperà tra i due coinvolgendo anche gli altri membri della famiglia, come i due fratelli, che ancora vivono accanto al padre, poi c'è  il caso di omicidio da risolvere, il processo in tribunale e tanto altro...
Forse c'è un po' troppa carne al fuoco, ma gli americani si sa, se non mettono il melodrammatico non sono mai contenti, e seppur piacevole devo dire che non stanca mai.
Nonostante tutto, me lo sono goduto, che altro volete di più.
Senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. io sono stato anche più generoso..mi è piaciuto e ha anche una sequenza ( quella del bagno) che mi ha fatto scappare una lacrimuccia....

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.