Passa ai contenuti principali

The Maze Runner - Il Labirinto

Film di fantascienza ambientato in un futuro dispotico, e basato sul romanzo Il Labirinto di James Dashner.
Neanche ho finito di vedere The Giver ed ecco un altro film di fantascienza basato su un futuro apocalittico e dispotico, la trama non è certo una novità, e non aggiunge nulla di nuovo nel panorama cinematografico.

Nonostante ciò, pur con il limite di essere un opera simile alle tante saghe che vanno di moda oggi, sa fare bene il suo lavoro, ovvero intrattenere.
Potrebbe finire così la mia recensione, ma io dico a che serve un altro film in cui cambiando le ambientazioni e modificando la trama in cui un gruppo di ragazzi sono cavie per un esperimento non si sa per che cosa?
Bah, non so non mi ha convinta del tutto, so soltanto che di film del genere ce ne sono parecchi, quindi si pecca di poca originalità, ma fortunatamente non è tutto da buttare.
Il protagonista è l'eroe che deve ricostruire la sua memoria dopo essere stato trasportato nel labirinto non si sa da chi, ed è quello che in un certo senso infrange le regole del villaggio e del gruppo di ragazzi che lo accolgono, attraversando il labirinto in cui il capo rimane intrappolato dopo essere stato punto da un virus che sta uccidendo tutti coloro che sono circondati dal labirinto.

Se da una parte il film riesce a tenere viva l'attenzione, dall'altra però mostra tutti i suoi limiti, prima di tutto il fatto di essere una saga - l'anno prossimo dovrebbe uscire il secondo capitolo - motivo per cui ormai sono satura di film del genere, secondo è un prodotto tradotto dal romanzo al grande schermo, cinema per ragazzi di intrattenimento, puro e semplice di cui c'è una moda sin dai tempi di Harry Potter, l'origine letteraria naturalmente peggiora ulteriormente le cose, sicuramente il prodotto sullo schermo è inferiore a quello sulla carta stampata etc etc etc...
Che altro dire?
Se ve lo volete gustare fatelo, ma senza aspettarvi più di tanto, il regista sembra indeciso su quale strada prendere e non sa dare il giusto spessore alla trama con delle potenzialità pazzesche.
Ma daltronde con la moda delle saghe chissà quando la finirà hollywood di infarcire prodotti simili, forse quando anche il pubblico ormai sarà stanco e cercherà nuove tendenze.
Voto: 6


Commenti

  1. Nulla di nuovo, ma neanche così dannoso. Passa e va senza tanti problemi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.