Passa ai contenuti principali

The Maze Runner - Il Labirinto

Film di fantascienza ambientato in un futuro dispotico, e basato sul romanzo Il Labirinto di James Dashner.
Neanche ho finito di vedere The Giver ed ecco un altro film di fantascienza basato su un futuro apocalittico e dispotico, la trama non è certo una novità, e non aggiunge nulla di nuovo nel panorama cinematografico.

Nonostante ciò, pur con il limite di essere un opera simile alle tante saghe che vanno di moda oggi, sa fare bene il suo lavoro, ovvero intrattenere.
Potrebbe finire così la mia recensione, ma io dico a che serve un altro film in cui cambiando le ambientazioni e modificando la trama in cui un gruppo di ragazzi sono cavie per un esperimento non si sa per che cosa?
Bah, non so non mi ha convinta del tutto, so soltanto che di film del genere ce ne sono parecchi, quindi si pecca di poca originalità, ma fortunatamente non è tutto da buttare.
Il protagonista è l'eroe che deve ricostruire la sua memoria dopo essere stato trasportato nel labirinto non si sa da chi, ed è quello che in un certo senso infrange le regole del villaggio e del gruppo di ragazzi che lo accolgono, attraversando il labirinto in cui il capo rimane intrappolato dopo essere stato punto da un virus che sta uccidendo tutti coloro che sono circondati dal labirinto.

Se da una parte il film riesce a tenere viva l'attenzione, dall'altra però mostra tutti i suoi limiti, prima di tutto il fatto di essere una saga - l'anno prossimo dovrebbe uscire il secondo capitolo - motivo per cui ormai sono satura di film del genere, secondo è un prodotto tradotto dal romanzo al grande schermo, cinema per ragazzi di intrattenimento, puro e semplice di cui c'è una moda sin dai tempi di Harry Potter, l'origine letteraria naturalmente peggiora ulteriormente le cose, sicuramente il prodotto sullo schermo è inferiore a quello sulla carta stampata etc etc etc...
Che altro dire?
Se ve lo volete gustare fatelo, ma senza aspettarvi più di tanto, il regista sembra indeciso su quale strada prendere e non sa dare il giusto spessore alla trama con delle potenzialità pazzesche.
Ma daltronde con la moda delle saghe chissà quando la finirà hollywood di infarcire prodotti simili, forse quando anche il pubblico ormai sarà stanco e cercherà nuove tendenze.
Voto: 6


Commenti

  1. Nulla di nuovo, ma neanche così dannoso. Passa e va senza tanti problemi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.