Passa ai contenuti principali

Guerre Stellari - Una nuova speranza


Oooh ma cosa abbiamo stasera?
Un classicone, di quelli che hanno fatto la storia del cinema, il must dei must dei blockbuster entrati nella leggenda di hollywood: Guerre Stellari - una nuova speranza quarto episodio della saga e primo della prima trilogia Lucasiana.
Questo è terreno minato, non posso certo fare una semplice recensione per questo film, anche se personalmente pur apprezzando l'opera di Lucas nel mio cuore ci sono altri film di fantascienza, ma questa è un altra storia.
Parlare di Guerre Stellari è come fare un tuffo nella mia infanzia, quando con mio fratello - riposi in pace - cominciavo a guardare film, infatti è uno dei primi film che ho visto da piccola, quindi c'è sempre un po' di riverenza e nostalgia come sfogliare l'album dei ricordi.
Si tratta forse del più grande film di fantascienza della storia del cinema nonchè uno dei blockbusters che ormai sono entrati nella storia e nel mito della fabbrica dei sogni, parlarne è un dovere soprattutto per farlo conoscere ai cinefili delle nuove generazioni.
E' soprattutto il film che ha portato al successo consacrando la carriera un attore che per quelli della mia generazione e chi è stato adolescente negli anni ottanta lo capirà di chi sto parlando: Harrison Ford che sarà presente anche nei due capitoli successivi che non saranno diretti da Lucas bensì da altri due registi.

In questo episodio devono salvare la principessa Leila Organa dalla minaccia della morte nera perchè sta organizzando la resistenza per contrastarla, riusciranno Luke Skywalker, Han solo e Hoby Wan Kenobi a salvarle la vita dalla minaccia del male.
Che la forza sia con te, una frase ormai divenuta mitica per sottolineare che bisogna lottare sempre per il bene, anche se a minacciarlo ci sono le forze oscure del male.
Ma chi è questa morte nera? E perchè minaccia la galassia? Cosa cerca veramente?
Lo volete sapere?
Non vi resta che guardare questo capolavoro del cinema e di recuperarlo, come ho fatto io questa estate.
Intanto è inutile che lo dica, è ormai tra i miei cult movie della vita, si, c'è un pezzetto del mio cuore che lo reclama questo film, soprattutto per quanto riguarda i ricordi d'infanzia.
Voto: 10


Commenti

  1. Un film che non invecchia, visto e commentato ( qui ) giusto un paio di mesi fa. Coriaceo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ooops scusa il ritardo nel risponderti, vengo a leggerti con piacere :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.