Passa ai contenuti principali

Balla Coi Lupi

24 Anni fa, hollywood faceva pace con gli indiani, grazie alla bravura e all'esordio di un giovane attore che per la prima volta dirigeva un film: Kevin Costner.
Ho avuto la fortuna di beccare la versione director's cut del film, e me lo sono guastato, il risultato è che lo reputo un grandissimo film, pur non toccando i vertici del capolavoro dobbiamo dirlo.

Film pacifista in tutto e per tutto e inno alla tolleranza tra popoli, era ovvio che avrebbe fatto centro agli Academy Awards nel 1990.
Nonostante ciò, la versione uncut direi che se non tocca il capolavoro al massimi si ci avvicina, ed è un piacere guardarla, soprattutto per la accuratezza con cui Costner ha voluto rappresentare un popolo a lungo dileggiato nella sua stessa terra d'origine: gli indiani d'america.
Qui i protagonisti sono i Sioux, e un soldato John Dunbar che ne farà parte e sposerà una donna bianca cresciuta da loro, la storia si incentra sull'amicizia di quel soldato con l'anziano della tribù, e non solo, anche tutti gli altri dimostrano di avere una grande stima di lui, l'incontro con alcuni suoi ex commilitoni lo convince a stabilirsi dai Sioux, che dovrà comunque lasciare per evitare rappresaglie con i bianchi che lo considerano un traditore.

Un film che si allontana dalle classiche regole del Western, tutto dalla parte degli indiani, che sottolinea l'importanza di una cultura che con il tempo stava andando via grazie alla barbarie dei bianchi, e di un uomo, seppur bianco, conoscerà davvero qualcosa che cambierà la sua vita.
Imparerà persino la lingua dei Sioux, e parlerà con quello che diventerà il suo popolo, la sua casa.
Tutti cerchiamo una casa, c'è chi la trova presto, chi tardi, ma prima o poi troviamo un luogo che può essere definito casa.
E' proprio questa la lezione che il film ci narra, film che è tratto sottolineiamolo dal romanzo di Michael Blake, che ha curato anche la sceneggiatura.
Ambientato durante la guerra di secessione, è la storia di una avventura straordinaria di una vita che cambierà grazie all'amore di un popolo orgoglioso e civile come i Sioux.
Grandissima colonna sonora, per un film epico che nonostante il passare del tempo, non mostra particolari segni di invecchiamento, fossero tutti così i film...
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.