Passa ai contenuti principali

Balla Coi Lupi

24 Anni fa, hollywood faceva pace con gli indiani, grazie alla bravura e all'esordio di un giovane attore che per la prima volta dirigeva un film: Kevin Costner.
Ho avuto la fortuna di beccare la versione director's cut del film, e me lo sono guastato, il risultato è che lo reputo un grandissimo film, pur non toccando i vertici del capolavoro dobbiamo dirlo.

Film pacifista in tutto e per tutto e inno alla tolleranza tra popoli, era ovvio che avrebbe fatto centro agli Academy Awards nel 1990.
Nonostante ciò, la versione uncut direi che se non tocca il capolavoro al massimi si ci avvicina, ed è un piacere guardarla, soprattutto per la accuratezza con cui Costner ha voluto rappresentare un popolo a lungo dileggiato nella sua stessa terra d'origine: gli indiani d'america.
Qui i protagonisti sono i Sioux, e un soldato John Dunbar che ne farà parte e sposerà una donna bianca cresciuta da loro, la storia si incentra sull'amicizia di quel soldato con l'anziano della tribù, e non solo, anche tutti gli altri dimostrano di avere una grande stima di lui, l'incontro con alcuni suoi ex commilitoni lo convince a stabilirsi dai Sioux, che dovrà comunque lasciare per evitare rappresaglie con i bianchi che lo considerano un traditore.

Un film che si allontana dalle classiche regole del Western, tutto dalla parte degli indiani, che sottolinea l'importanza di una cultura che con il tempo stava andando via grazie alla barbarie dei bianchi, e di un uomo, seppur bianco, conoscerà davvero qualcosa che cambierà la sua vita.
Imparerà persino la lingua dei Sioux, e parlerà con quello che diventerà il suo popolo, la sua casa.
Tutti cerchiamo una casa, c'è chi la trova presto, chi tardi, ma prima o poi troviamo un luogo che può essere definito casa.
E' proprio questa la lezione che il film ci narra, film che è tratto sottolineiamolo dal romanzo di Michael Blake, che ha curato anche la sceneggiatura.
Ambientato durante la guerra di secessione, è la storia di una avventura straordinaria di una vita che cambierà grazie all'amore di un popolo orgoglioso e civile come i Sioux.
Grandissima colonna sonora, per un film epico che nonostante il passare del tempo, non mostra particolari segni di invecchiamento, fossero tutti così i film...
Voto: 8


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.