Passa ai contenuti principali

La Spia - A Most Wanted Man

Ed ecco che anche io oggi parlo di La Spia - A most wanted man.
Ultimo film interpretato da Philip Seymour Hoffman al quanto si dice, anche se su letterboxd, sito che frequento dove ho il mio database di oltre 3000 film visti, ma ce ne sono molti di più questo è poco ma sicuro, solo che me li devo ricordare e segnalare, si dice che ci sono film che usciranno persino nel 2015, ma come si dice per oggi mi concentro su La Spia - A Most Wanted Man.

E' un film solido, dove Philip Seymour Hoffman regala una interpretazione tra le più sentite e toccanti degli ultimi anni, il suo agente è depresso, solo, stanco, ormai senza più speranza nelle istituzioni, e cerca di ripulire il marcio che lo circonda facendo per una volta qualcosa di buono...cercare di capire cosa si nasconde nella presenza di un islamico che deve riscuotere un sacco di soldi dal padre, ma questi li rifiuta perchè macchiati di sangue, ma li vuole lasciare in donazioni di beneficienza, un avvocatessa si occupa di lui, e lo protegge, anche il banchiere che gli deve dare i soldi.
E ora andiamo al dunque, ultima pellicola con Philip Seymour Hoffman, rivederlo sullo schermo dopo la sua morte fa un certo effetto soprattutto per la bravura con cui ha affrontato il suo personaggio, depresso, stanco, disilluso, sembra che davvero stesse esprimendo il suo malessere attraverso di esso.
Fa anche un po' di tristezza perchè Philip non c'è più e noi fans non possiamo più vedere altri film con lui protagonista, possiamo recuperare i suoi ultimi e quelli che ha interpretato prima di questi, anche se un attore del genere un pezzo da novanta del suo calibro è un dolore che sia andato via.
Il film invece è molto bello, anche se dopo la morte di Hoffman ci si concentra di più su di lui che sugli altri attori, una storia di spionaggio tratta dal romanzo di John Le Carrè che tocca la tragedia dell'11 settembre e il terrorismo, e si sospetta di terrorismo un giovane di origine cecena, anche se un avvocatessa lo protegge contro i servizi segreti perchè lo crede innocente di vari atti terroristici.
Forse la trama ha poco spessore ed è stata poco curata dal regista, perchè alla fin fine non si capisce bene se era innocente o meno, comunque quell'agente segreto e l'avvocatessa decidono di proteggere quel giovane, anche se alla fine ci sarà una svolta che non ti aspetti, ma non vi dico nulla, non voglio rovinarvi la visione, dico solamente che nonostante i difetti è una pellicola che si fa vedere molto bene, anche se non è un capolavoro.
Voto: 7




Commenti

  1. Pur non essendo un amante del genere (anzi, direi per nulla) è piaciuto anche a me. Certo che vedere Hoffman 'vivo' fa un po' impressione... lui è un gigante come sempre.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.