Passa ai contenuti principali

Il Passato

E il libro dice...tu puoi chiudere con il passato, ma il passato non chiude con te.
No, tranquilli, non è la recensione di Magnolia, capolavoro di Paul Thomas Anderson, ma l'ultimo film di Asghar Farhadi, regista di Una Separazione e About Elly, visto proprio ieri sera.

Il film racconta di una famiglia allargata, in cui una moglie ospita l'ex consorte che ha firmato le carte per il divorzio proprio a casa sua, e sembra non riuscire a chiudere ancora con il marito, nel frattempo ha una relazione con un altro giovane, la cui moglie è in coma per aver tentato il suicidio, e la figlia adolescente non vuole che la madre si risposi.
C'è un castello di segreti e bugie intorno ai protagonisti, scheletri nell'armadio che vengono piano piano fuori dallo stesso armadio.
Ognuno di loro è come se non volesse mettere in esame la propria vita, e cerca di restare ancorato a ciò che per tanto tempo è stato nostro, o ci è familiare.
Ma è la paura di andare avanti l'unica costante di questo film straordinario, che ci riporta in scena uno degli autori recenti più interessanti del panorama cinematografico autoriale, o, in questo caso festivaliero.
Il film presentato a Cannes nel 2013, si è portato a casa il premio per la migliore attrice protagonista: Berenice Bejo che qui è davvero molto brava.
La cosa sorprendente è che l'autore riesce a creare un riconoscimento attraverso la caratterizzazione dei personaggi lampante, e diversamente da tanti autori famosi, è una cosa che difficilmente capita di vedere nel cinema odierno.

Il Passato racconta la storia di una donna che si trova davanti a un bivio, quale strada prenderà? Cosa sceglierà per la sua vita? L'ex marito che sotto sotto ama ancora ma non lo vuole ammettere, oppure si rifarà una vita con il suo nuovo compagno? Riuscirà ad avere un buon rapporto con la figlia adolescente piuttosto ribelle?
Ma, cosa più importante, riuscirà la famiglia a restare unita nonostante il divorzio?
Un film complesso e difficile, in cui è impossibile non immedesimarsi e non riconoscersi nei personaggi, soprattutto perchè Farhadi dimostra di saper inquadrare bene le emotività sia dei suoi personaggi che degli spettatori, se continua così il suo cinema ben presto otterrà ben altri riconoscimenti più consistenti; glielo auguro.
Difficile dimenticarsi di un film del genere, soprattutto se anche tu sei figlia di genitori divorziati.
E' dura dimenticarsi delle proprie radici, è dura dimenticarsi del proprio passato e ricominciare daccapo.
E se ve lo dico io ci dovete credere.
Voto: 8







Commenti

  1. Non è perfetto come 'Una separazione' ma è comunque un gran bel film, con una sceneggiatura magistrale: Farhadi è un cineasta che non delude mai.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.