Passa ai contenuti principali

The big bang Theory - Prima Stagione

Scrivere questo post si sta rivelando un impresa titanica dato che ho dovuto mandare in pensione google chrome e prendere modzilla firefox perchè mi faceva errore, pazienza, allora andiamo a noi...

The Big Bang Theory non è il classico telefilm, ma una sit com classica, volta a fare fare un sacco di risate al pubblico,
Le risate in sottofondo fanno da contraltare alle gesta dei due protagonisti, Leonard e Sheldon, che con il loro gruppo di amici, tutti scienziati in diversi campi, che passano il tempo  a lavorare al California Istitute of Technology, il tempo libero lo passano a leggere fumetti, a giocare con giochi di ruolo, o a guardare film e serie tv di fantascienza.
La loro vita verrà sconvolta dalla bella vicina con il sogno di diventare attrice: Penny.

Per questi ragazzi Penny rappresenta un altro mondo, semplice e un po' superficiale che si scontra con il loro mondo iperintelligente e sempre attivo.
I ragazzi ovviamente sono tutti o nerd o geek, per questo l'entrata di Penny nella loro vita è una ventata di novità, perchè non solo devono fare i conti con i loro sentimenti, ma anche con il loro stato, due scienziati che si innamorano di una ragazza qualunque?
Non sia mai...Ma, è proprio questo il bello di questa sit com, stralunata, divertente, esilarante, che più di così non si può, che altro aggiungere?

17 episodi, tutti da ridere in cui nulla è lasciato al caso per sottolineare quanto l'amore sia cieco, ma allo stesso tempo si incrociano anche le loro ricerche strampalate durante le sessioni di lavoro, il che lo rende appetitoso e divertente.
La normalità si scontra con l'intelligenza, un po' come se Einstein incontrasse Marilyn Monroe tanto per fare un esempio...che aspettate a vederlo?
Voto: 7

 

Commenti

  1. Prima stagione davvero bella e inusuale. Poi alla lunga ha stufato e, involontariamente, ha lanciato la moda di quei fottutissimi nerd.
    Ed io spero che i nerd si estinguano presto, sinceramente.

    RispondiElimina
  2. Io la guardo ancora oggi in streaming puntata dopo puntata appena viene caricata online (siccome per vederla in Italia ci vorrà del tempo) e la amo!
    Sono completamente d'accordo con te!
    Sarò comunque felice di seguirti ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.