Passa ai contenuti principali

Pietà

Si lo so, Kim Ki-Duk è sadico.
Ora mi butterete i pomodori addosso, eh lo so, me lo sarò meritato, ma è la verità, può non piacervi ma il grande Kim Ki-Duk sa essere sadico come pochi.
Ed è proprio nel primo apologo sulla vendetta, cominciato dopo la crisi che ha avuto durante la lavorazione di Dream che è arrivata la sua reazione, dapprima con Arirang che ho ma ancora non ho visto, poi ha ribaltato il tutto reagendo, ovviamente alla sua maniera.

Lo dico chiaro e tondo, non è un film facile.
Il titolo sembra suggerire qualcosa di pacato e amorevole ma il film è un apologo sulla vendetta: la vendetta di una madre per la morte del figlio, ucciso proprio dall'uomo che segue da un po' di tempo.
E qui che entra il grande Kim.
Ed è in forma, si vede dalla cura con cui ha lasciato esprimere i sentimenti della madre, che si fa accettare dall'assassino di suo figlio, che lui crede sia la sua di madre e lei glielo fa credere con diversi stratagemmi, ma è qui che comincia il gioco perverso della donna.
Dapprima si fa accettare, poi comincia un gioco al gatto col topo, in cui lei cerca di intrappolare lui per ucciderlo, riuscirà l'assassino a capire le sue reali intenzioni?
Un film con un finale che vi sorprenderà, decisamente a sorpresa, imprevedibile, ma assolutamente unico.
La vendetta nasce sempre da qualcosa che ti hanno tolto ingiustamente, strappandotelo dalle mani senza alcun motivo, senza spiegazione alcuna, cercare una rivalsa diventa una ragione di vita, soprattutto se sopravvivi al tuo stesso figlio che ti hanno ucciso a sangue freddo.
Il film si concentra non solo sulla violenza, ma anche su una importante lezione di vita: la compassione e la pietà come da titolo.
Se questa madre fa di tutto per vendicare la morte di suo figlio, capisce che deve cambiare il suo assassino affinchè non faccia mai più del male a nessuno.
Come un angelo della morte arriva, e cerca una via di salvezza per colui che le ha tolto il figlio, l'unica azione di vendetta che questa donna ordisce per colui che le ha tolto il figlio: per questo fa più male, perchè pur essendo premeditate le sue azioni hanno un preciso scopo, quello di far nascere la pietà nel cuore dell'assassino.
Ed è doloroso a vedersi, lancinante, perchè il percorso di cambiamento non arriva di colpo, ma cresce piano piano, ed è inquietante il dolore che si prova.
E' un dolore che non ti lascia sopiti, ma che squarta il petto più di un coltello, forse lo stesso coltello che è nel cuore di quella madre che ha perso suo figlio, lei in poche parole vuole fargli provare il suo di dolore, per questo il film è così agghiacciante.
Voto: 8

Commenti

  1. Non brutto, ma c'è 'qualquadra che non cosa' in questo film. Da me si è beccato il minimi sindacale...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.