Passa ai contenuti principali

I Due Volti di Gennaio

Esordio dietro la macchina da presa per Hossein Hamini, che porta sullo schermo il romanzo di Patricia Highsmith, già portato sullo schermo nel lontano 1986 con il film tedesco Die Zwei Gesichter des Januar, diretto da Wolfgang Storch e Gabriela Zerahu, di cui questo film è il remake americano.

Protagonisti sono due coniugi benestanti, che in apparenza sono in vacanza in Grecia, che incontrano un giovane Rydal che fa da guida turistica, e a volte anche da escort a donne sole.
Dopo le presentazioni e una conversazione, i due escono con Rydal per una serata mondana, ma Chester sottovaluta ciò che sta per accadere, così come il giovane Rydal non conosce la vera natura di quello strano uomo che gli ricorda tanto suo padre.
Il film si incentra su una storia di ricatti e cattiverie ordita dal marito di lei, un truffatore di professione, che per una banalità del caso lo incrocia nel momento che deve trasportare il cadavere di un detective che l'ha scovato e gli ha chiesto dei soldi da restituire a delle persone che ha fregato.
Da allora comincia una fuga per evitare di essere rintracciati da altri creditori fregati, ma nel frattempo il giovane escort si innamora di Colette, scatenando la vendetta e la gelosia di Chester che fa di tutto per ripulirsi la coscienza subito dopo che per un banale incidente anche la moglie muore.
Così prende due piccioni con una fava e fa arrestare Rydal, ma ha fatto male i suoi conti...

Come un giovane può entrare senza volerlo in un gioco più grande di lui.
Il romanzo di Patricia Highsmith deve essere molto intrigante, dato che il film ti incolla alla poltrona dall'inizio alla fine senza stancarti mai, grazie soprattutto ad una regia particolarmente attenta al soggetto, e soprattutto alla sceneggiatura scritta tral'altro benissimo dallo stesso regista.
Questa è la storia di un triangolo infuocato, reso ancora più intrigante dalle avversità che si presentano, e che non erano previste nei piani di Chester, ma che lui usa per fregare Rydal, che ben presto imparerà la lezione dal maestro, che gioca al gatto col topo con lui soprattutto nella seconda parte del film e cercherà di fregare vendicandosi delle corna subite.
Ma non tutto fila liscio come dovrebbe, e tre complici sono fin troppi per mascherare un delitto compiuto per sfuggire ai creditori che gli stanno alle calcagne, e Rydal, segue Chester e Colette nella loro fuga disperata per lasciare la grecia e raggiungere gli stati uniti, comprando persino dei documenti falsi pur di uscire dalla grecia.
Quando nasce l'amore tra Colette e Rydal le cose si complicano ulteriormente, formando un triangolo maledetto che fa precipitare ulteriormente i piani di Chester.
Le splendide ambientazioni sixtees, fanno da sfondo alla storia che sembra presa direttamente da un film del grande Alfred Hitchcock, e il regista rende omaggio al grande maestro inglese con questa storia riuscendo a personalizzare il tutto, il chè non è facile dato che esiste già una versione del film e lo stesso è tratto da un romanzo.
Bello, molto bello.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.