Passa ai contenuti principali

I Due Volti di Gennaio

Esordio dietro la macchina da presa per Hossein Hamini, che porta sullo schermo il romanzo di Patricia Highsmith, già portato sullo schermo nel lontano 1986 con il film tedesco Die Zwei Gesichter des Januar, diretto da Wolfgang Storch e Gabriela Zerahu, di cui questo film è il remake americano.

Protagonisti sono due coniugi benestanti, che in apparenza sono in vacanza in Grecia, che incontrano un giovane Rydal che fa da guida turistica, e a volte anche da escort a donne sole.
Dopo le presentazioni e una conversazione, i due escono con Rydal per una serata mondana, ma Chester sottovaluta ciò che sta per accadere, così come il giovane Rydal non conosce la vera natura di quello strano uomo che gli ricorda tanto suo padre.
Il film si incentra su una storia di ricatti e cattiverie ordita dal marito di lei, un truffatore di professione, che per una banalità del caso lo incrocia nel momento che deve trasportare il cadavere di un detective che l'ha scovato e gli ha chiesto dei soldi da restituire a delle persone che ha fregato.
Da allora comincia una fuga per evitare di essere rintracciati da altri creditori fregati, ma nel frattempo il giovane escort si innamora di Colette, scatenando la vendetta e la gelosia di Chester che fa di tutto per ripulirsi la coscienza subito dopo che per un banale incidente anche la moglie muore.
Così prende due piccioni con una fava e fa arrestare Rydal, ma ha fatto male i suoi conti...

Come un giovane può entrare senza volerlo in un gioco più grande di lui.
Il romanzo di Patricia Highsmith deve essere molto intrigante, dato che il film ti incolla alla poltrona dall'inizio alla fine senza stancarti mai, grazie soprattutto ad una regia particolarmente attenta al soggetto, e soprattutto alla sceneggiatura scritta tral'altro benissimo dallo stesso regista.
Questa è la storia di un triangolo infuocato, reso ancora più intrigante dalle avversità che si presentano, e che non erano previste nei piani di Chester, ma che lui usa per fregare Rydal, che ben presto imparerà la lezione dal maestro, che gioca al gatto col topo con lui soprattutto nella seconda parte del film e cercherà di fregare vendicandosi delle corna subite.
Ma non tutto fila liscio come dovrebbe, e tre complici sono fin troppi per mascherare un delitto compiuto per sfuggire ai creditori che gli stanno alle calcagne, e Rydal, segue Chester e Colette nella loro fuga disperata per lasciare la grecia e raggiungere gli stati uniti, comprando persino dei documenti falsi pur di uscire dalla grecia.
Quando nasce l'amore tra Colette e Rydal le cose si complicano ulteriormente, formando un triangolo maledetto che fa precipitare ulteriormente i piani di Chester.
Le splendide ambientazioni sixtees, fanno da sfondo alla storia che sembra presa direttamente da un film del grande Alfred Hitchcock, e il regista rende omaggio al grande maestro inglese con questa storia riuscendo a personalizzare il tutto, il chè non è facile dato che esiste già una versione del film e lo stesso è tratto da un romanzo.
Bello, molto bello.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.