Passa ai contenuti principali

Club Silencio - Stagione 2 - Puntata 10 - David Cronenberg

Club Silencio
Special settimanale curato da Arwen Lynch
Questa settimana parlerò di David Cronenberg, genio indiscusso della settima arte, nonchè autore imprescindibile di un cinema fatto di ossessioni, spesso legate alle mutazioni fisiche e psicologiche, ossessioni presenti in quasi tutta la sua filmografia.

Di Cronenberg ne ho parlato parecchio alla fabbrica, curando una rassegna speciale  dedicata al suo cinema, e dopo la rassegna, ci sono state le recensioni ai suoi due ultimi lavori, Cosmopolis e Maps To The Stars.
Questo di stasera non sarà uno  special come tutti gli altri, ma qualcosa di più personale dato che praticamente ho visto e recensito tutti i suoi film, e ne ho parlato anche con un articolo speciale, prima che cominciasse questo special cinematografico.
Ho voluto fare un approfondimento ulteriore perchè è giusto parlarne, dato che si può dire lo sto facendo con gli autori che sto approfondendo, ho pensato di farlo anche con quelli che più amo.
Parlare di David Cronenberg, per me equivale a raccontarvi un mio percorso personale, cominciato prima ancora che entrassi in internet, con un po' di paura dato che prima non riuscivo a guardare gli horror più raccapriccianti, e Cronenberg mi ha aperto la strada verso la conoscenza di autori che ormai adoro e sono entrati da molto tempo nella cerchia dei miei registi preferiti, questi autori sono Lucio Fulci e George Andrew Romero, che non avrei preso se non mi fossi buttata con coraggio a conoscere il grande regista canadese, poi c'è anche l'amico Robydick ma questa è un altra storia.
Il primo film che ho visto è stato La Zona Morta, e la cosa che mi ha colpito e parlo di ogni suo film  è che la storia colpisce subito, al primo colpo; è impossibile restare inermi al primo impatto con un suo film e accade questo, o lo ami, e cominci a cercare ogni suo titolo, o lo odi e lo mandi al diavolo.
Come tutti i registi di genere, molti lo hanno etichettato a quel genere di film, ma lui ha dimostrato parecchie volte che ha una visuale più aperta verso altre storie, verso altre ossessioni per così dire.
 Poi sono arrivati eXistentz e Inseparabili, che mi hanno fatto apprezzare maggiormente questo grande regista.




Con Videodrome il discorso è diverso, a primo impatto l'ho trovato terrificante, mi ha fatto paura vedere una persona scarnificata e maciullata e ho avuto la pelle d'oca, è un film che ho dovuto rivedere dopo molto tempo per poterlo rivalutare, poi l'ho amato, ma tutto questo è niente in confronto a Brood che ho apprezzato moltissimo, forse con tutti gli horror che ho visto ormai credo che - quasi - non mi  fa più paura nulla, ma mai dire mai.
Comunque sia, ora che siamo in gioco giochiamo, oggi prendo in esame il re del body horror, colui che praticamente ha inventato il genere e che - con un altro pezzo da novanta come Romero, che a differenza di Cronenberg ha seguito un suo percorso personale, restando legato alla trilogia degli zombie, ma ne parlerò con uno special, forse dopo natale. - ha segnato  e rivoluzionato il modo di fare cinema di genere come comunemente viene chiamato e conosciuto.
Con l'apertura della fabbrica dei sogni, quando ho deciso di fare la rassegna, nata quasi per caso, ho voluto conoscere davvero il suo cinema, partendo dal presupposto di guardare un suo film con occhi completamente diversi di quando ho cominciato ad interessarmi a lui, sia quando ho visto i suoi titoli recenti che quando ho visto quelli storici, ovvero i suoi primi capolavori, capendo che qui stavo approfondendo un maestro, un autore che è ormai fonte di ispirazione per ogni regista horror che si rispetti e non solo, e troverete la sua filmografia completa, compreso l'ultimo film recensito proprio ieri.
Si dice che un appassionato di cinema non deve avere limiti e pregiudizi, ed è vero, perchè senza questi impedimenti si scoprono tantissime chicche, con Cronenberg l'horror non è mai banale, o un prodotto di intrattenimento come per esempio un Eli Roth, autore un po' sopravvalutato lo ammetto, ma che ha tratto parecchia ispirazione dal cinema di Fulci sicuramente.
Body horror si, ok, ma anche un autore capace di parlare d'altro, di rinnovarsi, lo dimostrano titoli come Spider, La promessa dell'assassino e a History of Violence.
Quando ha fatto un remake ha scelto di rifare L'esperimento del dottor K che devo cercare e vedere chiamandolo La Mosca, escludendo Inseparabili è forse il suo ultimo film body horror.
Se una persona mi chiedesse da quale film cominciare con Cronenberg io gli consiglierei forse A History of Violence e Spider, per poi fare tutti gli altri, fatelo se non lo conoscete, e poi ditemi cosa ne pensate okay?
Per non parlare di Crash, Il Pasto Nudo tratti dai romanzi di James Ballard il primo e di William S Burroghs il secondo, anche quando decide di tradurre un opera letteraria, sceglie film che toccano le sue tematiche, e adesso ha scritto pure un libro...il grande David Cronenberg non si ferma mai, si chiama Divorati e ovviamente le sue tematiche concettuali sono al centro della storia.
Bene, per questa settimana è tutto, la prossima che sarà l'ultima del primo ciclo di stagione, il nuovo ciclo di stagione ricomincerà l'ultima settimana di febbraio con altri approfondimenti, fino a primavera inoltrata, la prossima settimana parlerò di Lars Von Trier, e come sempre se volete partecipare scrivetemi alla mia email lafabricadeisogni@gmail.com vi abbraccio ^_^

Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…