Passa ai contenuti principali

The German Doctor

Non vi preoccupate, che il cinema più impegnato non l'ho messo da parte, anzi spesso è volentieri viene prima della recensione del film che stanno programmando al cinema, come il film di oggi The German Doctor.
Film presentato a Cannes nella sezione Un Certain Reguard e diretto da Lucia Puenzo e tratto dal romanzo scritto dalla stessa regista.

Ci troviamo di fronte alla ricostruzione della latitanza del criminale di guerra nonchè scienziato nazista Joseph Mengele, che conosce una famiglia con cui fa amicizia.
Questa è del tutto estranea sulla vera identità di quello strano dottore, che si interessa in maniera alquanto curiosa e morbosa alla figlia che non riesce a crescere e ha una statura bassa.
La moglie dell'uomo con cui Mengele sotto falsa identità stringe amicizia aspetta due gemelli, e sarà proprio lei a dare l'opportunità allo scienziato di svolgere esperimenti sulla figlia, ma lui con l'inganno le dice che è una cura, in realtà studia la piccola, e soprattutto le cause per cui non riesce a crescere, nonostante il padre sia contrario di tutto questo.

Un film lucido e spietato nel sottolineare la presenza del male che si insinua piano piano, quella famiglia non sa che ha stretto amicizia con un pericoloso scienziato, e procede piano piano nella narrazione grazie a una regia attenta e piuttosto curata.
La regista evita di prendere una posizione, ma si capisce benissimo qual'è il suo punto di vista anche se non lo dice esplicitamente.
Abbiamo un film non ancora uscito in sala che meriterebbe una certa attenzione e visione da parte del pubblico.
Tra gli interrogativi che più mi sono rimasti impressi nella memoria c'è questo: qual'è il confine dell'umanità di fronte ai limiti della scienza? E' possibile che uno scienziato crede che abbia tutte le carte in regola per poter trovare dei rimedi e delle cure? E le conseguenze di queste cure quali sono?
Quando però il passato torna a fare capolino nella vita dello scienziato sarà il padre a capire con chi avevano a che fare, subito dopo che sua moglie ha subito altri esperimenti che il dottore effettuava all'insaputa della donna.
Un film terribile e toccante allo stesso tempo, dubito che dopo la visione lo dimenticherete.
Voto: 7 e 1/2



Commenti

  1. non è un capolavoro, ma è un film che fa il suo dovere :)

    http://markx7.blogspot.it/2014/05/il-dottore-tedesco-wakolda-lucia-puenzo.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.