Passa ai contenuti principali

Rocky III

E continua la saga di Rocky.
Nella terza puntata lui e Apollo Creed diventano amici, cercando di appianare le divergenze scaturite dai loro incontri sul ring: motivo? Rocky è stato sfidato da un altro campione disposto a prenderne il posto, ma questi è ormai un pugile arrugginito che ha deciso di ritirarsi...riuscirà Apollo a convincerlo a tornare sul ring?
Un terzo capitolo piuttosto ben impostato direi, qui Sly Stallone decide di approfondire il mondo di Rocky lasciando che lo spettatore viva con il cuore i suoi sentimenti verso sua moglie, la difficile convivenza anche con il cognato, il rapporto complesso con l'allenatore e via dicendo.
Per ultimo c'è Apollo che decide nonostante le insistenze di Rocky di convincerlo a battersi, l'impresa si rivelerà assai difficile perchè egli non è più motivato, e ha perso l'entusiasmo verso la boxe.
Tutto questo è a causa del suo allenatore, che non gli ha messo dei buoni avversari affinchè il titolo di campione del mondo dei pesi massimi restasse a lui, e fino al giorno in cui avesse deciso di ritirarsi.
In un primo momento prende come un gioco la lotta con Clubber Lang in cui viene pesantemente sconfitto la sera stessa che il suo vecchio allenatore muore.
Questa è la motivazione vera e propria che ha fatto decidere il suo ritiro, fino al giorno in cui Apollo Creed gli ridona l'entusiasmo di una volta facendogli conoscere tutti i suoi segreti di lotta, e allora se in un primo momento Rocky non era in forma ed è stato sconfitto, al secondo incontro invece si dimostra un professionista, pronto, scattante e in formissima...riuscirà a difendere il suo titolo?
Che vi devo dire mi è piaciuto!!
Per chi come me - e non mi stanco mai di ripeterlo - è cresciuto nei mitici anni ottanta, il franchise di Rocky è stato mitico, anche perchè diciamocelo: Rocky è un personaggio in cui un po' tutti, chi più e chi meno si sono riconosciuti.
Vedere un film del genere a distanza di anni mette un po' di positiva malinconia, che rispecchia i ricordi di quando da piccoli ci sedevamo tutti e guardavamo questa mitica saga, che è un po' la metafora di chi si è fatto da solo, di chi un po' si è fatto il culo lottando per arrivare al top.
Da donna è bello recensire film del genere, perchè così dimostro di non aver paura a guardarli ed esprimere un parere con sguardo prettamente femminile, il che non è roba da poco.
Daje fasemoci du spaghi con rocky su...è pronta la birra con le patatine? No? Allora compratela oppure preferite gli spaghetti? Fa lo stesso...l'importante è fare il tifo per l'unico, inimitabile, imbattibile Rocky!!!
Voto: 7



Commenti

  1. Non è tra i miei preferiti, ma l'ho rivalutato, Clubber Lang / Mr. T è un gran avversario ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  2. Fantastica saga, una delle mie preferite...sono quasi trent'anni che vedo e rivedo Rocky ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.