Passa ai contenuti principali

Knock Knock

Toc toc...avete il coraggio di aprire a due sconosciute? Si? Non sapete che vi aspetta...
No? Beh vi perdete una gran cosa, ma visto che avete scelto di non aprire allora non leggete il seguito di questa recensione perchè potrebbe decisamente disturbarvi.
Perchè?
Perchè il protagonista ha scelto decisamente di aprire la sua porta alle sconosciute.



E comincia la festa...per lui? Decisamente no, per loro? SI.
Tutto è giocato sul filo dell'assurdo, per una volta Eli Roth smette i panni dell'horror turculento o come si suol dire torture porn, per sfornare una pellicola decisamente sui generis e dal titolo premonitore.
Chi non si fiderebbe di due fanciulle indifese che chiedono ospitalità al "tranquillo" padre di famiglia?
Ovviamente un maschio sano di mente e con tutti gli ormoni al posto giusto le farebbe entrare.
Qui c'è l'ennesima sorpresa di un regista sorprendente  e capace di stravolgere i dettami delle regole del vivere bene di una tranquilla famiglia borghese.


Le fanciulle non sono così innocentine come si fanno credere, e daranno una lezione nel vero senso della parola al tranquillo ma non troppo padre di famiglia, che ci cade come una pera cotta al perverso gioco di queste ragazze, che non mollano la presa finchè non lo sottomettono completamente ai loro giochi.
E sarà un macello metaforicamente parlando, perchè le fanciulle stravolgono totalmente le mansuete abitudini del tranquillo padre di famiglia, dicendo prima di essere minorenni, poi lo sottomettono al loro giochetto perverso, e non vi sto a dire quale, dovete assolutamente guardare il film per capire.
Eli Roth, con questo film vuole distruggere i cosidetti canoni della tranquilla vita borghese, smascherando la vera natura del protagonista maschile e riducendolo a una ridicola macchietta nelle mani delle spregiudicate protagoniste.
Così mentre la mogliettina è fuori, lui all'inizio se le scopa e si fa fare un pompino da ognuna di loro, poi capisce che i conti non tornano e cerca in tutti i modi di rimettere le cose  a posto, ma a questo punto il gioco è andato fin troppo avanti per sistemare il tutto.
Le due ragazzine mettono persino i filmati su internet per poter ridere di lui con gli utenti di facebook e youtube, fino al ridicolo e allucinante finale, dove lo sotterrano pure.
Insomma lontano da scene turculente Eli Roth non smentisce la sua natura di provocatore sui generis, e stavolta lo fa distruggendo la cosidetta istituzione familiare.
Mi è piaciuto, decisamente.
Voto: 7


Commenti

  1. Mai stati così in disaccordo :D per me un film che non ha il coraggio di spingersi oltre. Non mi ha fatto ridere ma mi ha irritato, non mi ha messo ansia o tensione perché è tutto intuibile, tutto leggero. Non mi ha impressionato e per me è uno dei lavori meno riusciti di Roth

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè ma se tu lo vedi come horror puro certo che non fa impaurire, se tu invece lo vedi con una prospettiva differente, ad esempio come thriller tutto giocato con la psicologia dello spettatore allora le cose cambiano ^_^

      Elimina
  2. Anche io la penso come Frank R. qui sopra, nel senso che ok essere leggeri, però il film non graffia mai davvero.
    Dovresti schierati con o contro un personaggio, ma alla fine nessuno dei protagonisti fa mai davvero qualcosa per piacere al pubblico.
    Roth sicuramente si è diverito, sono contento di averlo visto, ma è uno di quei film che si guarda e secondo me si dimentica in fretta ;-) Cheers!

    RispondiElimina
  3. Pure a me è piaciuto parecchio.
    Più che un thriller vero e proprio, per me uno dei film più diabolicamente divertenti dell'anno. :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…