Passa ai contenuti principali

The Green Inferno

Lo ammetto senza nessuna vergogna: non so nulla di questi cosidetti cannibal movies.
Non ho neanche visto Cannibal Holocaust di Ruggero Deodato di cui questo film è un omaggio dichiarato a quel genere che è ormai diventato un cult.



L'opera in se non è decisamente il miglior film di Eli Roth, però è ammirabile il suo coraggio di ripercorrere un genere ai più ritenuto scottante.
Il film funziona, soprattutto per la capacità di Roth di esprimere il suo personale punto di vista esaltando il suo stile, il che non è poco.
Il cinema horror non diventa solo citazionista con lui, nè innovativo, ma potremmo dire che lo rinfresca? Siiiiii...vabè anche se qualcosa di nuovo non farebbe male eh?
Comunque sia, tralasciando i due Hostel, che hanno inventato un nuovo sottogenere di horror, il torture porn anche se devo dire che arriva in italia con due anni di ritardo...quindi ancora, ci sono problemi per questi film.
E' turculento? Beh diciamo che non è per i deboli di stomaco, se siete comunque impressionabili ve lo sconsiglio vivamente.
Certo anche io mi sono coperta gli occhi nelle scene più impressionanti...ebbene si, lo ammetto e vi giuro che non sono neanche rossa in faccia.
Film decisamente per stomaci forti, anche se la trama scorre piacevole e riesce ad intrattenere abbastanza bene.
Ma, non è il miglior film di Eli Roth, e non è neanche il suo capolavoro; considerando le tematiche del film uno potrebbe aspettarsi non un semplice omaggio a un sottogenere nato in italia, ma qualcosa di più innovativo di nuovo tra i tanti omaggi dichiarati da un regista cinefilo come Eli Roth.
Comunque sia forse il suo scopo non era decisamente l'innovazione, ma l'omaggio a Deodato e di questo in parte gliene do merito.
Senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.