Passa ai contenuti principali

Glee Stagione 4

Siete tutti pronti per Glee? SI? Bene, sapete che questo telefilm sia ormai diventato un cult in casa Lynch...oddio, sto parlando come l'amico Ford, di solito dico dalle mie parti...ma vabè, usare il mio nome di battaglia per descrivere quanto voglio bene alla banda di "sfigati" diretti dal professor Will Shuster con il suo ormai mitico Glee Club, che stagione dopo stagione è diventato uno dei protagonisti nel mio lettore.
Siccome avevo da tempo terminato di vederla, ma mancava un episodio perchè come al solito certi file si vedono su pc... ne ho approfittato del fatto che ormai i telefilm li recensirò una volta o due a settimana per finirlo...e allora eccomi qua.
Allora, la quarta stagione è piuttosto buonista diciamo, manca l'appeal della mitica rivale di Will, quella Sue Sylvester che mi aveva tanto divertita nelle precedenti stagioni, e come antagonista, era irresistibile.
Comunque sia non mancano i momenti brillanti della serie, che non smette mai di  divertire.
In questa stagione i vecchi ragazzi del Glee vanno al college, mentre le nuove direzioni cambiano alcuni protagonisti, al liceo McGinley di Lima Ohio la voglia di cantare e ballare aumenta ancora di più.
E cosa succede ai ragazzi che ormai sono al college?
Rachel è a New York, e deve fare i conti con una severissima insegnante di ballo, che in confronto al professor Shuster sembra il sergente dei marines di Full Metal Jacket, ma che poi rivelerà il suo lato umano.
Per Rachel e Kurt, che vivono da coinquilini, le occasioni per esprimere il loro talento non mancheranno, come anche per Santana e tutti coloro che hanno lasciato il McGinley.
Ci sarà l'occasione di ritornare a salutare il professor Shuster? Hehehe...certo che si.
Comunque sia questa quarta stagione è tutta concentrata sulla musica, e soprattutto i sogni e le aspirazioni dei nostri protagonisti, sempre intenti a dare il meglio di loro, anche se devono fare i conti con i problemi di cuore che non mancano mai.
Rachel e Finn devono vedersela con una piccola crisi, e nuovi amori all'orizzonte che causeranno per Rachel una piccola delusione.
Insomma a questa stagione manca l'appeal che aveva reso unica questa serie tv intrigante, manca l'ingrediente fondamentale, ovvero i duelli con Sue Sylvester...quelli mettevano parecchio pepe alla serie tv rendendola esilarante.
Nonostante tutto adoro la musica, e perciò pur avendo avuto una mezza delusione per la saccarina in eccesso di questa serie, non me la sento di bocciarla, almeno non del tutto.
Voto: 6



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.