Passa ai contenuti principali

Il Sale sulla Pelle

                                                                      Riguarda & Recensisci

Torna Riguarda e Recensisci, la rubrica ormai famosa della fabbrica che ripesca i film non ancora recensiti. Quest'oggi tocca a uno di quei film d'amore che una volta visti ti rimangono nel cuore: Il Sale sulla Pelle, diretto nel '94 da Andrew Birkin.

Trovare il grande amore e dire no...perchè?
Perchè appartengono a due mondi completamente diversi.
Lei George, sofisticata e snob ragazza si innamora di Gavin, un uomo molto semplice che non appartiene al mondo di lei.
Un giorno lui le fa la proposta di matrimonio  e lei rifiuta...ma un matrimonio fallito alle spalle e la nascita di un figlio non scalfiscono la passione rovente che è nata con Gavin.
Perchè?
Perchè il vero amore non conosce etichette nè stili di vita. Per quanto lei possa credere di trovare la felicità tra le braccia di uomini acculturati è sempre quel semplice pescatore di Gavin l'uomo giusto per lei.
Sto tergiversando? No, è la verità della vita.
Perchè mai e poi MAI si sposa la persona giusta per noi, ma soltanto quella che è vicina al nostro mondo.
Eppure i due mondi non sono mai stati tanto vicini come in questo caso.
Quando lei finalmente capirà questa semplice realtà sarà ormai troppo tardi.
Basta non dico altro, quello che vi consiglio di fare è la visione, sono sicura che non lo dimenticherete tanto facilmente.
A me è piaciuto, decisamente.
Vincent D'onofrio si conferma un attore poliedrico e capace di interpretare ruoli diversi e sentirli sulla propria pelle.
Anche Greta Schacchi è brava e incarna molto bene l'eroina romantica e testarda del film, che ricordiamolo è tratto dal romanzo Les Vaisseux Du Coeur di Benoit Groult.
Eppure questa distanza da lei creata non ha mai scalfito la passione esistente tra i due, un amore capace di durare per tutta la vita...nonostante tutto, nonostante le etichette perchè il vero amore non conosce confini, e se gli uomini precedentemente avuti da George sono arrivati e andati via, l'unico che è rimasto è stato Gavin.
Quel semplice pescatore dai modi spicci, ma capaci veramente di essere fedele a se stesso era l'uomo giusto per lei, e il loro amore è durato per tutta la vita.
Nonostante lei abbia usato la ragione, le etichette, le differenze sociali e culturali sono stati l'ombra che non l'ha fatta vivere in felicità...solo all'ultimo capirà, quando leggerà l'ultima e appassionata lettera d'amore del suo Gavin che le diceva che la sua esistenza l'aiutava a vivere.
Da vedere.
Voto: 7




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.