Passa ai contenuti principali

Operazione UNCLE

Sarà un problema mio...ma ho una seria difficoltà ad apprezzare un regista come Guy Ritchie, sapete perchè? Perchè mi sembra la versione british di Quentin Tarantino riveduta e corretta...garbatamente si, ma mi è sempre suonata fasulla e mi ha fatto torcere il naso diverse volte.



In parole povere, ho difficoltà ad apprezzare il suo cinema, e soprattutto la visione che ha lui del cinema...saranno gusti personali non lo so comunque sia questo film mi è piaciucchiato un pochino rispetto agli altri film.
Ammetto che di Ritchie ho apprezzato la sua versione di Sherlock Holmes divertente e sopra le righe.
Il fatto è che tutto il suo cinema è esagerato e un po' sopra le righe, forse per questo ho difficoltà anche a comprenderlo a volte.
Forse devo vedere una sua opera più di una volta per apprezzarlo pienamente...forse.
Comunque sia questo Operazione UNCLE mi ha divertita, ha saputo girare bene il tutto sempre col suo solito stile che questa volta ha saputo misurare un pochino dato che doveva fare la versione cinematografica di una serie tv degli anni sessanta.
Non male davvero, ha un ritmo accattivante, scene intriganti un cast di attori appetitosi, insomma gli ingredienti per piacere ci sono tutti, ma...e dico ma...manca di quella originalità e di quello spiccato stile di cui è capace Tarantino in tanti suoi film e che Guy Ritchie, emula spudoratamente soprattutto nelle sue opere più d'azione.

Io comunque preferisco film che sappiano parlare da soli, regalandomi grandi emozioni a film che fanno di tutto e di più per piacermi per forza.
Come del resto succede con Operazione UNCLE.
Non ha il carisma di essere un opera dal respiro personale come tanti film anche d'azione sanno essere, emula emula emula il collega americano e lo fa capire ad ogni inquadratura, ad ogni scena senza dare il respiro originale di cui è capace il grande Quentin.
Sono due pianeti opposti, consiglierei a Guy Ritchie di cominciare a pensare ad un modo più originale di fare cinema, allontanandosi dalle opere hollywoodiane e soprattutto smetterla di emulare altri registi, essere Guy Ritchie ed avere un proprio stile è sempre meglio che essere una copia britannica di Quentin Tarantino giocando con il suo stile senza avere un impronta personale riconoscibile al grande pubblico.
Fermo restando che nonostante sia piacevole, mi aspettavo decisamente più maturità dato i film precedentemente diretti.
Sarà per la prossima volta Guy.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Commentato anche dalle mie parte... Io l'ho trovato moscissimo, i due protagonisti sono due pali ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.