Passa ai contenuti principali

Sinister 2

Ok, escludiamo il fatto che una volta che un film funziona poi devono continuare la storia, ma certamente non possiamo eliminare il solito clichè che poi tutti i seguiti fanno pena.
Questa volta questo seguito è completamente slegato all'opera originale, che certamente è molto migliore di questo secondo capitolo.
Pieno zeppo di clichè, e scusate se mi ripeto, dovrebbero smetterla di creare franchise e fare un film, un opera che racchiudi il meglio delle tematiche che si vogliono raccontare; logico no?
Ma ovviamente la logica di mercato va contro i presupposti di chi ha apprezzato il primo capitolo, che se rimaneva una storia autoconclusiva sarebbe diventato un cult, e ne aveva tutte  le qualità del cult.
Siccome bisogna ingrassare il portafoglio signore e signori, ecco a voi il seguito. Ma che ve lo dico a fare?

Sta volta non c'è un padre alla scoperta di un mistero, come accadeva nel prequel...ma solo ragazzini con la voglia di giocare a chi massacra per primo chi...insomma il vuoto assoluto.
Film inutile, scontato che mette in ombra l'apprezzabile primo capitolo che mi era piaciuto parecchio.
Qui il fantasma c'è e si nasconde dietro i bambini, nel primo capitolo il gioco era più ambiguo, più raccapricciante, ed è proprio questo che mi ha sorpreso.
Tutto questo nel secondo episodio non c'è.
Ci sono solo un orda di ragazzini che vogliono giocare col malcapitato di turno, senza un briciolo di mistero o di suspance presentissimi nel primo capitolo.
La paura lì era palese e cresceva insieme al mistero; tutto al contrario succede in questo pietoso sequel, che mi ha fatto storcere il naso durante la visione.
No ragazzi, se volete potete recuperare il primo capitolo Qui e che certamente è più sorprendente di questo oltre che essere sicuramente più originale.
I sequel li lascio ai ragazzini che vogliono ingozzarsi di film vuoti ed originali, io invece li guardo per massacrarli allegramente alla fabbrica, e scusate se è poco, ma mi ci diverto un casino hihihi!!!
Voto: 2


Commenti

  1. Siamo allineati ;-) Moscio, sembra troppo spesso di guardare due film diversi (un dramma familiare e un orroricchio) che hanno avuto un incidente stradale grave ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.