Passa ai contenuti principali

True Story

Ok, bando alle ciance, buon giorno a tutti amici oggi la recensione è mattutina.
Ho deciso di recensire questo film da poco uscito al cinema e che ho visto questa estate in lingua originale.
Opera prima ricordiamolo, di Rupert Goold, che esordisce con un thriller sottilmente giocato sull'ambiguità dell'identità tra un assassino e il giornalista che ha deciso di usare per raccontare la sua storia.

James Franco interpreta uno dei criminali più ricercati dall'fbi, Christian Longo, ma vive sotto il nome di Michael Finkel, giornalista che per caso si trova coinvolto in un brutto affare riguardo una notizia da molti ritenuta falsa e che rischia di perdere il posto di lavoro oltre ad aver rovinata la carriera, il primo dice di poter dimostrare la sua innocenza e si aprirà solo ed esclusivamente con il il secondo.
Da qui c'è un sottile gioco d'identità, che porterà il giornalista ad interrogarsi sull'effettiva sincerità di un criminale.
Christian Longo è sincero? Oppure ha cominciato con il giornalista un gioco pericoloso?
Il regista è capace di rendere il film sul filo del rasoio dell'ambiguità, dimostrando di aver appreso in pieno il saper giocare con le aspettative del pubblico; e di questi tempi è una cosa più unica che rara.
Il giornalista è il personaggio che più mi ha colpito: mentre Christian Longo gioca effettivamente al gatto col topo, Michael Finkel è come braccato.
Percepisce in poche parole che Longo "potrebbe" essere innocente, e il potrebbe tra virgolette è una cosa voluta da parte mia, senza ovviamente spoilerare.
Rupert Goold, nonostante sia un esordiente è capace di tenere alta la tensione dello spettatore, riuscendo in quello che molti autori più navigati di lui non sanno più fare: ovvero, trasformare i dubbi, le incertezze del giornalista in coloro che guardano il film.
In questo ha fatto decisamente un ottimo lavoro di regia, anche la sceneggiatura è scritta benissimo, la recitazione è sincera e spietata.
Jonas Hill come attore promette benissimo, ma la vera sorpresa è James Franco, mai così ambiguo come in questo film.
Gli do decisamente un ottimo voto.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. Ho letto a balzelli, perchè me lo volevo vedere anche io ;-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.