Passa ai contenuti principali

Brother

Torna Takeshi Kitano, con un film in parte girato negli States...e che film!!!
Innanzitutto abbiamo un uomo, Yamamoto, che durante una guerra con la yakuza giapponese ne rimane sconfitto durante uno scontro con una famiglia rivale; ormai anche il fratello devoto l'abbandonato, perciò non gli resta che andare alla ricerca del fratello più piccolo, che ha lasciato il Giappone per studiare a Los Angeles.
Ma Ken con una piccola gang locale fa lo spacciatore, lui cerca di salvarlo da quella situazione ma finisce per creare una sua gang capace di controllare tutto il territorio finendo per combattere contro la mafia.


C'è poco da fare con il cinema di Takeshi Kitano, chi segue questi lidi sa quanto adori il cinema orientale, e soprattutto sa che appezzo anche Kitano, a cui dovrò dare maggiore spazio alla fabbrica, me ne rendo conto.
Comunque sia è un filmone.
Un film che spacca in due, non c'è nient'altro da aggiungere.
So benissimo che devo scrivere la recensione, e con opere di questo tipo viene difficile trovare le parole adatte, davanti al mitico Kitano dobbiamo soltanto inchinarci perchè ci regala sempre opere di sorprendente realismo e soprattutto violenza, ma mai fine a se stessa precisiamo.
La sua è una violenza capace di fare riflettere chi guarda un suo film, i suoi protagonisti non sono mai cattivi e basta, s
pesso, come in questo film, sono costruiti in modo da rendere immediata la capacità di comprensione delle loro azioni.
Non ci sono clichè nei film di Kitano, e soprattutto non ci sono etichette.
Per questo sono così sinceri, immediati ed empatici.
I suoi antieroi non sono solo cattivi e basta, spesso ci sono parecchie sfaccettature che li caratterizzano avvicinandoli al pubblico creando una speciale alchimia capace di destabilizzare il concetto stesso di etichetta, rendendolo vicino al pubblico.
Cioè in parole semplici Yamato non sarà certo uno stinco di santo, ma è umano, capace di riflettere, e cerca in tutti i modi di fare le cose come si devono fare, anche se poi può sbagliare, anche se poi rischia di perdere l'unica persona che considera ormai la sua famiglia.
E' solo a combattere, e non ha certo le armi per vincere, nè per perdere...dovrà usare la testa per non perdere anche la stima in se stesso e soprattutto la fiducia, il che non è roba da poco.
Immenso, come tutti i film di questo grande regista.
Voto: 8 e 1/2





Commenti

  1. Kitano è un genio e questo film per me resta assurdo, ci ho trovato una trovata dietro l'altra e credo di non averne mai visti di così folli.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…