Passa ai contenuti principali

Brother

Torna Takeshi Kitano, con un film in parte girato negli States...e che film!!!
Innanzitutto abbiamo un uomo, Yamamoto, che durante una guerra con la yakuza giapponese ne rimane sconfitto durante uno scontro con una famiglia rivale; ormai anche il fratello devoto l'abbandonato, perciò non gli resta che andare alla ricerca del fratello più piccolo, che ha lasciato il Giappone per studiare a Los Angeles.
Ma Ken con una piccola gang locale fa lo spacciatore, lui cerca di salvarlo da quella situazione ma finisce per creare una sua gang capace di controllare tutto il territorio finendo per combattere contro la mafia.


C'è poco da fare con il cinema di Takeshi Kitano, chi segue questi lidi sa quanto adori il cinema orientale, e soprattutto sa che appezzo anche Kitano, a cui dovrò dare maggiore spazio alla fabbrica, me ne rendo conto.
Comunque sia è un filmone.
Un film che spacca in due, non c'è nient'altro da aggiungere.
So benissimo che devo scrivere la recensione, e con opere di questo tipo viene difficile trovare le parole adatte, davanti al mitico Kitano dobbiamo soltanto inchinarci perchè ci regala sempre opere di sorprendente realismo e soprattutto violenza, ma mai fine a se stessa precisiamo.
La sua è una violenza capace di fare riflettere chi guarda un suo film, i suoi protagonisti non sono mai cattivi e basta, s
pesso, come in questo film, sono costruiti in modo da rendere immediata la capacità di comprensione delle loro azioni.
Non ci sono clichè nei film di Kitano, e soprattutto non ci sono etichette.
Per questo sono così sinceri, immediati ed empatici.
I suoi antieroi non sono solo cattivi e basta, spesso ci sono parecchie sfaccettature che li caratterizzano avvicinandoli al pubblico creando una speciale alchimia capace di destabilizzare il concetto stesso di etichetta, rendendolo vicino al pubblico.
Cioè in parole semplici Yamato non sarà certo uno stinco di santo, ma è umano, capace di riflettere, e cerca in tutti i modi di fare le cose come si devono fare, anche se poi può sbagliare, anche se poi rischia di perdere l'unica persona che considera ormai la sua famiglia.
E' solo a combattere, e non ha certo le armi per vincere, nè per perdere...dovrà usare la testa per non perdere anche la stima in se stesso e soprattutto la fiducia, il che non è roba da poco.
Immenso, come tutti i film di questo grande regista.
Voto: 8 e 1/2





Commenti

  1. Kitano è un genio e questo film per me resta assurdo, ci ho trovato una trovata dietro l'altra e credo di non averne mai visti di così folli.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.