Passa ai contenuti principali

Ken Park

Ok, sarò di poche parole, perchè certi film secondo me non meritano lunghissime recensioni, non perchè sono brutti, ma perchè qualsiasi parola non sarebbe all'altezza per descriverli meglio; ecco il mio consiglio: LASCIATE PERDERE, NON GUARDATE QUESTO FILM!!!
Oh mamma, allora è brutto? No, non è brutto, semplicemente è il film che mi ha messo la pelle d'oca, non siamo ai livelli di Von trier che con Antichrist mi ha più volte fatto incazzare di brutto tanto che avrei  voluto picchiarlo, non guardatelo nel senso che il film è un vero e proprio pugno nello stomaco, e descrive una società dove quasi non c'è più religione per dirla con parole spicce.
Alla sceneggiatura abbiamo quel matto di Harmony Korine, che segna la sua ultima collaborazione con il regista Larry Clark.
Al centro della storia un gruppo di Skater, che hanno una sola cosa in testa: il sesso.
Si tratta di sesso, e si tratta anche di ossessioni, come quella del padre che fa vestire la figlia come sua moglie e la tratta come fosse lei. Quando la trova a copulare con il fidanzatino le fa indossare l'abito da sposa, come se fosse sua, poi c'è un ragazzino che si fa mamma e figliola, sotto gli occhi ignari di un padre che non sospetta nulla - allucinata la scena del connilungus alla mammina dopo che lei sistema i vestiti puliti - e che vive con un paraocchi mentre il mondo intorno a lui va a sfracelli.
Un altro ragazzino progetta di uccidere i nonni per ereditarne le sostanze, e al culmine dopo che ha compiuto il suo progetto si fa una sega in bella vista - roba mai vista in un film cosidetto normale - con un cappio al collo "eccitato" dal mugolare delle tenniste in tv.
Insomma avete capito, non è un film per palati fini, una vera e propria apocalisse, raccontata senza peli sulla lingua e facili sentimentalismi da filmetti per famiglie, NO, qui c'è un inizio da fare venire i brividi, un ragazzino va in una pista di skeightboard e si uccide sparandosi in testa, e poi comincia l'apocalisse, il racconto dei suoi amici, e le persone che fino ad allora lo hanno circondato...ooops mi sono dilungata, avevo detto di usare poche parole, e guardate cosa è uscito fuori?
In conclusione, una spietata denuncia a una società malata, dove non esiste la pietà e la comprensione verso il prossimo, un vero pugno nello stomaco, stop.
Voto: 8





Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.