Passa ai contenuti principali

The Words

The Words, film che ho visto parecchio tempo fa, ma che recensisco oggi, allora la storia parte dalla lettura di un romanzo, che racconta di uno scrittore con dei sogni, delle cose che vorrebbe fare ma che non trova il coraggio di farle.
Fin qui ci siamo no? Se l'impatto filmico è davvero intrigante, non si può dire lo stesso sulla sceneggiatura che zoppica un pochino nel finale, lasciando lo spettatore alla ricerca di una risposta, e, più precisamente di un collegamento tra lo scrittore e i suoi personaggi.
Come ogni buon romanzo che si rispetti non c'è nessun legame tra la storia del romanzo, che prende vita in un preciso luogo e tempo, e il romanzo che viene letto che racconta quella storia; ci troviamo dalle parti del classico film pieno di enigmi ma che non da una linea precisa di intendimento, allora cominciano le domande: è l'immaginazione dell'autore a far prendere vita al romanzo durante la lettura? Può darsi, altra possibile chiave di lettura sarebbe pure il sospirato successo, o anche la capacità di far vivere la storia al pubblico, ogni possibilità sarebbe buona e sotto questo aspetto i due registi hanno saputo giocare bene le loro carte.

Come ogni storia che si rispetti ci sono pure gli imprevisti, che arrivano con le sembianze di un uomo che dice di aver scritto il libro del giovane scrittore, qui si divaga un po' e i due registi deviano per confondere le acque, ma invece di accendere la tensione, questo tizio è quasi daccordo che la storia venga comunque pubblicata, anche se non sarà il suo nome a comparire nella copertina.
A questo punto dai due registi ci si può aspettare una deviazione nel thriller e nel cinema di genere, dato che accentuano la tensione a livelli massimi, invece sgonfiano la cosa, ed è un peccato perchè il film avrebbe tutte le potenzialità per essere molto più di un semplice prodotto di intrattenimento.
Intrigante e curioso quanto basta, ma purtroppo ha la pecca di una sceneggiatura un po' confusa in cui non si sa quale strada prendere, lasciando volare le parole dove non ti aspetti.
Eppure questo film ha tutta l'aria di essere ottimo, ma purtroppo lo è solo superficialmente, dobbiamo assolutamente dirlo.
Bravi comunque gli attori protagonisti che sanno con la loro presenza rendere il film intrigante catturandoti sullo schermo, per quanto riguarda i due registi forse sarebbe stato meglio che uno di loro si occupasse a revisionare meglio lo script, invece di curare anche la regia, e il film ne avrebbe guadagnato.
Senza infamia e senza lode, nè più e nè meno.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

  1. Un film che invece a me piacque molto, con difetti evidenti ma con un tema interessantissimo e alcuni momenti veramente riusciti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si non è male, ma per fare un buon film ci vuole altro secondo me :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.