Passa ai contenuti principali

Total Recall, Atto di forza

Ecco un altro remake.
L'ossessione di Hollywood per rifacimenti ormai ha toccato vette di inimmaginabile inispirazione, che bisogno c'è di rifare un cult come Atto di Forza?
Nessuna.
Questa è la mia risposta, e la qualità di questa pellicola ormai si capisce dove vuole andare a parare, non c'è uno squarcio di inventiva, o di avanguardia...è soltanto il solito remake trasformato in film giocattolo da dare in pasto al pubblico per incassare.
Il film di Paul Veroheven era decisamente molto meglio, anche Quaid, era molto più Ganzo, interpretato da quel gigante Arnold Schwarzenegger, che riusciva a renderlo allo stesso tempo simpatico e cazzuto.
L'attore per il remake è Colin Farrell. - oddio no - che deve aver visto bene accettando un ruolo del genere, forse per intascare il lauto compenso...ma poi perchè? Proprio ora che stava cominciando a piacermi...bah...misteri della fabbrica dei sogni come dico spesso io.

Mainstream, non è sempre sinonimo di pacchianietà, ma in questo caso c'è da dire che l'inutilità del prodotto non è certo intrattenimento, perchè ci sono film di intrattenimento capaci anche di tenerti incollato alla poltrona, questo da soltanto irritazione perchè mette in ombra una pellicola decisamente migliore.
Soprattutto per aver sprecato un attore Colin Farrell, che qui è decisamente fuori parte.
Len Wiseman, cioè l'autore della saga di Underworld, si trova al cospetto dell'esame e dei confronti con una pellicola non alla sua portata, avrebbe fatto meglio a cercare di dirigere un film a lui più vicino invece che questa pellicola.
I confronti non sono sempre pregievoli, soprattutto se non sai maneggiare la pasta; andava bene con Underworld, perchè era un franchise si di intrattenimento, ma decisamente l'ha saputo personalizzare, quando si tratta di toccare la fantascienza pura, Wiseman è incapace di personalizzarla a dovere, e il fatto che il film fa acqua da tutte le parti ne è la prova evidente.
Ultimamente a hollywood contano più i soldini, piuttosto che l'inventiva e l'originalità, cosa che manca ahinoi a questo film, di cui se fosse mancato, non si sarebbe sentita la mancanza.
Voto: 3





Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.