Passa ai contenuti principali

Storia d'Inverno

Storia d'inverno, ci siamo...ecco che quando la fantasia si immischia con l'amore escono fuori dei film capaci di incatenarti alla poltrona, è il caso di Storia d'inverno esordio cinematografico del regista Akiva Goldsman, che vede tra i protagonisti Colin Farrell, Russell Crowe, Jessica Brown Findley e Jennifer Connelly.
Siamo dalle parti del mito, del racconto che supera il tempo e lo spazio con al centro un grande amore e una missione speciale da compiere.
Il nostro eroe non è certo un tipo venuto sulla terra come gli altri, lui ha una missione da compiere, pur essendo un ladro ed è sempre in contrasto con il cattivo Perly che rappresenta il male da cui deve scappare, e quando si innamora di Beverly ragazza malta a un passo dalla morte deve fare di tutto per salvarla dalle grinfie del suo nemico, e come fa? Grazie a un cavallo alato che è arrivato per guidarlo nella sua missione...ma la vita gli riserverà un mare di sorprese.

Eh si, è il caso di dirlo, è un film davvero bello, mi è piaciuto soprattutto perchè non si limita ad essere senza infamia e senza lode, ma ti avvince e ti cattura dalla prima all'ultima scena. Poi vogliamo mettere anche la bravura di Colin Farrell? Hehehe, quest'attore ho iniziato ad apprezzarlo non appena la febbre da cinema che mi ha preso quest'anno è cominciata.
Davvero bello lo scontro tra bene e male nell'eterna lotta, tra Peter e il suo antagonista, che non gli da tregua finchè non lo sconfigge, Russell Crowe in questo è davvero molto bravo, il suo ruolo di cattivo spicca e intriga per tutto il film, ma Colin Farrell gli fa davvero il culo con il suo ruolo positivo.
Bellissima l'impostazione fiabesca/Fantasy su cui si basa il soggetto, che riesce ad incantare fino alla fine senza mai stancare o annoiare lo spettatore, la regia sa bene dove deve andare a puntare, e non sbava mai pur sapendo perfettamente che il film non è un capolavoro, ma riesce a conquistare scena dopo scena, in poche parole, è impossibile che questo film non vi piaccia, a meno che non apprezziate il genere, e questo è tutto un altro discorso.
Il segreto del cavallo che lo guida lo scoprirà attraverso lo spazio e il tempo, infatti lui non è certo un umano come tutti gli altri...ha una missione da compiere, che ovviamente non dico per non rovinarvi la sorpresa...
Un film davvero fatto bene, coinvolgente al massimo, capace di farti divertire e commuovere, e stavolta io gli do un bel voto: se lo merita.
Voto: 7 e 1/2



Commenti

  1. ce l'ho lì da un po' di tempo ma fino ad ora non mi aveva mai ispirato...ora con tutte queste lodi ....la curiosità è salita parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedilo insieme alla bradipa, lei te lo farà apprezzare molto di più che vederlo da solo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.