Passa ai contenuti principali

Cruising

Oh yes, here we go, speriamo di riuscire a scrivere bene, stasera mi sento in forma, e ho scelto uno dei film "maledetti" degli anni ottanta: Cruising con Al Pacino.
Perchè dico maledetti? Perchè da quel che ho letto ci sono parecchie scene di violenza, che addirittura lo equiparavano al Salò di Pasolini, anche se la trama e l'ambientazione sono completamente diversi.
Un film duro senza dubbio, che ripercuote le gesta di un poliziotto, chiamato per svolgere indagini sulla morte misteriosa di alcuni uomini, trovati mutilati e gettati nel fiume, e si presume il colpevole sia un serial killer di omosessuali.
Steve Burns, dovrà svolgere le sue indagini e nello stesso tempo interrogarsi sul suo orientamento sessuale soprattutto perchè agirà sotto copertura.

Quando si accorge che i poliziotti hanno costretto un uomo a masturbarsi davanti a loro per prendergli lo sperma, capisce che hanno usato un abuso di potere, spinti dalla loro omofobia, e vuole abbandonare le indagini perchè non ritiene giusto questo comportamento.
Il suo capo lo convince del contrario e lui riuscirà a terminare le indagini, e ad avere una promozione, ma durante un permesso, ucciderà  il suo vicino di casa omosessuale.
Il film è stato un baluardo della decadenza gay, in cui cominciava a delinearsi lo spettro dell'aids, alla sua uscita non ebbe molto successo, ma col tempo è diventato una pellicola di culto tra gli amanti del thriller e dell'horror.
Nonostante le critiche negative, che hanno influenzato il botteghino - ma la qualità artistica di un  film la si valuta con il tempo non con i soldi - il film è riconosciuto a tutt'oggi anche dalla comunità gay come uno dei capolavori del cinema, e, come spesso accade il film presenta un ritratto diverso di omosessuali, non più immaginati come persone buffe o frivole, ma come persone normali.
Decisamente molto avanti per i tempi, in cui le atmosfere tetre si avvolgono a una storia inquietante che non si dimentica facilmente.
Un cult da avere assolutamente, primo perchè presenta  un uomo etero, su una realtà sconosciuta per lui, in cui deve indagare sugli omicidi misteriosi, e deve pescare il cosidetto assassino, ma entrerà in una specie di inferno dantesco, in cui è facilissimo perdersi se non si ha la testa sulle spalle e il cuore saldo.
Voto: 8


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.