Passa ai contenuti principali

Pompei

Ok, mi arrendo, è l'ennesima maccheronata hollywoodiana costruita per far soldi.
Che altro dire?
Non trovo le parole...
Ah ecco, si potrebbe scrivere una lettera di protesta al regista Paul WS Anderson, prima perchè la storia non centra un fico secco con la tragedia di Pompei, ed è praticamente diversa da come la racconta il film, secondo il contesto in cui è ambientato si trova in totale contrasto sulla tragedia.
Sembra che Anderson sembra indeciso su quale strada percorrere, se da una parte gli attori ce la mettono tutta per rispettare il plot e lo script, da un altra parte è proprio questo che fa acqua da tutte le parti, e ben venga allora la lava che brucia via tutto quanto, almeno lei sa dove va a parare.
La regia? Incerta.
La recitazione? Macchinosa.
Il plot? Sembra essere stato scritto in maniera improvvisata durante le riprese del film.
Durante la visione di questo guazzabuglio confuso, non si ha la certezza di niente, sembra che il regista voglia toccare un sacco di generi e mischiarli insieme, ma è come se fosse un elefante in un negozio di cristalleria, fracassone e roboante quanto basta, no anzi lo è in modo strabordante, ma cosa vuole fare? Vuole fare un peplum? Un film d'avventura? Un Catastrofico?
Invece di cogliere la lezione di registi più navigati di lui - mischiare i generi cinematografici è roba che pochi registi sanno fare sempre con le dovute cautele ovviamente - e di dosare maggiormente gli ingredienti come succede ad esempio con Tarantino, Paul WS Anderson fallisce la dove deve dosare e calibrare il tutto.
Perchè succede questo?
Semplice,  non ce la fa, e allora mischia e rimischia facendo un roboante pasticcio che sinceramente e forse per esigenze di mercato, risulta vuoto e artificioso e ricchissimo di stereotipi.
Cos'altro dire poi della recitazione degli attori come Kiefer Sutherland assolutamente sprecato per questo film?
Come anche altri attori tra i quali c'è Carrie Anne Moss, ve la ricorderete come Trinity di Matrix, tutto un altro film, che a confronto a questa robetta se lo pappa in un boccone, peccato per Carrie perchè non è valorizzata come meriterebbe.
I Giovani? Lo stesso, anche se in confronto agli altri due non hanno molte esperienze recitative, questo non toglie nulla del fatto che anche per loro non c'è via di scampo, vengono massacrati dall'incapacità del regista di valorizzarli, c'è poco da fare.
Voto: 3


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.