Passa ai contenuti principali

Nymphomaniac Vol 1

Ok come si dice?
Battiamo il ferro finchè è caldo.
Dunque anche io sto recensendo l'ultima fatica di Lars Von Trier che diciamolo subito, non è certo il suo film migliore, è un ottimo film e mi ha colpita perchè l'ho apprezzato molto, ora, ci sono coloro che non l'hanno apprezzato: capisco anche il motivo.
Dunque, fermo restando che, questa è la prima parte del film - io le ho viste tutte e due e spero domani di recensire anche la seconda parte per un più esauriente parere. - la recensione vera e propria arriverà domani in cui esplifico con parole semplici ciò che  il film mi ha dato.

Terzo e ultimo capitolo della trilogia sulla depressione - oh finalmente - cominciata con Antichrist e proseguita con Melancholia, non è neanche la versione ardita del film, quella in cui si vedono scene esplicite...sinceramente non so se apprezzerei quella versione, anche se la vedrò una volta uscita in dvd.
Allora, andiamo a noi? Eccocci qui.
Per questa prima parte Von Trier che presenta come personaggio un antieroina, una persona che fa scelte immorali - è classico del suo cinema - ma qui non è come le altre sue pellicole, qui noi dobbiamo ascoltare le sue ragioni e capire i suoi perchè e i per come...non c'è identificazione, non c'è compassione NULLA!!! Forse anche per questo il film pecca un po' di manierismo, si comprende che Von Trier vuole sbatterti in faccia Joe e tu, da spettatore la devi ascoltare.
Il personaggio di Seligman è un furbone, che sembra all'inizio l'unico che possa ascoltarla, ma poi per il finale scioccante che non ti aspetti getta la sua  maschera, rivelando la sua vera natura.
Charlotte Gainsbourg è bravissima come sempre, l'attrice che interpreta Joe da ragazzina un po' meno, ma nel film ci sta bene.


Ma, e dico ma, in questo film si fanno troppi sermoni, non doveva essere una pellicola scandalosa? Si rischia davvero di dormire con tutti quei discorsi, parole parole parole e niente fatti? Ok i fatti ci sono pure, ma, sembra di assistere a una seduta psicanalitica - astenersi per chi ne ha le palle piene di psicologi - fatta da uno che non è uno psicologo sottolineiamo, ricordiamo come Seligman accoglie Joe?
Alla fine cosa resta di Nymphomaniac? Specialmente di questo primo volume? O primo tempo come vogliate chiamarlo? Una rivalsa di Von Trier a coloro che lo accusavano di misoginia. Può essere, e comunque sia questa è una introduzione alla vera e propria recensione, quindi domani mi scateno per bene analizzando sia il primo che il secondo capitolo.
La cosa che stupisce è come viene trattato l'universo maschile, dalla prima volta di Joe squallida, con Jerome che affonda tre volte in vagina e 5 nel deretano, io l'ho trovata fastidiosa, non era sesso, ma neanche amore, era prendersi una femmina e basta...non c'era sentimento nulla...bah se per Von Trier la perdita della verginità è così allora diciamo che stiamo messi male.
E va bene che anche per una donna il sesso è una cosa normale, ormai si capisce fin troppo bene, ma forse Von Trier avrebbe dovuto affrontare l'argomento per quello che è, non creando scandalo, ma cercando di fare avvicinare il pubblico a Joe per quanto immorale sia, ma forse a lui interessava solo creare l'atmosfera scioccante da quel provocatore che è...fatto sta che c'è riuscito, infatti il pubblico si è diviso, tra quelli che hanno apprezzato - come la sottoscritta ma in parte - e quelli che l'hanno massacrato.
La parte migliore? I momenti con il padre, l'unico uomo in grado di capire Joe e forse l'unico uomo che l'ha voluta davvero bene, per il resto il film è infarcito di pipponi musicali, religiosi alla continua ricerca di un perchè della ninfomania di Joe.
Ah dimenticavo, la comparsata di Uma Thurman è da antologia e salva il film dalla noia, ruolo da incorniciare, quello della moglie tradita ed è stato quello che mi ha divertita di più e risvegliata maggiormente.
Nessun voto per ora, a domani con la recensione vera e propria.






Commenti

  1. anche per me la prima parte è sostanzialmente ingiudicabile anche se ho letto ovunque che è la parte migliore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. decisamente, perchè è come giudicare un film a metà, secondo me Trier avrebbe dovuto fare uscire il film intero...mah, contento lui contenti tutti :D

      Elimina
  2. Uma è favolosa, s'è fatta perdonare i parecchi passi falsi degli ultimi anni.
    Quanto alla perdita della verginità eh beh... per Joe era solo un impiccio, effettivamente, quindi ci sta.
    Comunque, tecnica registica sopraffina a parte, un filmetto dimenticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bah contenta lei, sinceramente parlando non è stato un bel vedere :D

      Elimina
  3. Risposte
    1. Per me no, assolutamente...i capolavori sono e restano le onde del destino, dancer in the dark, melancholia e idioti, se questo film viene messo a confronto con quelli che ti ho elencato sopra cade miseramente ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.