domenica 13 aprile 2014

American Graffiti

Un gruppo di amici si ritrovano per l'ultima notte prima di partire per il vietnam e per il college, un ultima notte di follia che segna la fine dell'adolescenza e l'inizio dell'età adulta, dove quella notte e per una sola notte, si vive con la spensieratezza in cui tutto viene dimenticato, persino il loro futuro incerto, e alla radio, è Lupo Solitario a musicare la loro ultima festa.
Prima di Guerre Stellari, che lo avrebbe portato nell'olimpo dei più grandi registi di tutti i tempi, George Lucas firma questo piccolo film.
Un film nostalgico e spensierato, su un gruppo di amici che passano un ultima notte prima di partire per il fronte, una sola notte in cui tutto succede e tutto accadrà esattamente come se lo aspettano. Non si penserà alla guerra che andranno a combattere, si penserà solo a spassarsela per un ultima notte di spensieratezza che fa dimenticare l'orrore a cui andranno incontro.
Per una volta, Lucas, fa un film sui giovani in cui nell'arco di una breve notte ci sarà una festa indimenticabile tra le strade d'america; in pratica è questo American Graffiti, un affresco in cui tutti noi ci ritroviamo in quei drive in, alla radio di Lupo Solitario nelle corse in automobile e via dicendo.
Nel film ci sono 4 amici Curt e Steve, che dopo quella notte dovranno partire per il college, mentre gli altri due forse vanno al fronte.
E così tra scorribande, gare automobilistiche, inseguimenti di misteriose bionde e via dicendo, passeranno la notte più indimenticabile della loro vita, per dare l'addio all'adolescenza, e cominciare l'età adulta.
Un rito di passaggio in cui ognuno di noi ci siamo ritrovati, forse i nostri amici vogliono solo avere la certezza che nulla finirà dopo quella notte: anche se la sicurezza è l'ultima cosa a cui pensare.
Tutto in una notte, per stare con gli amici più cari, per stare aggrappati alle cose che ti stanno più a cuore e capire che forse un giorno tutto questo finirà. Quante volte vi siete trovati in una situazione simile? Vorresti che non finisse mai, poi ti accorgi che stai comunque cambiando, e quei momenti faranno parte dei tuoi ricordi, pagine ingiallite di memoria che rimarranno per sempre nel tuo cuore.
Immenso.
Il cast di attori è perfetto per la parte, tra cui spicca un giovanissimo Ron Howard che diventerà famoso prima in tv con Happy Days, e poi come regista.
George Lucas dirige un film fresco, vintage, ma capace di non temere il passare del tempo diventando una pellicola cult da possedere.
Che altro dire? Guardatelo.
Voto: 8



2 commenti:

  1. Questo è un film della mia giovinezza, sai quelli che ti vedi perchè da bambino guardavi Happy Days? Ecco. Però ha sempre un gran fascino.

    RispondiElimina

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...