Passa ai contenuti principali

La libertà d'espressione...questa sconosciuta!!!

la cinefilia è condivisione, spesso nella blogosfera si incontrano dei tipi strani, talmente attaccati ai loro ideali da non capire che il mondo è molto + vasto di quello che sta intorno a loro, ecco un esempio chiaro che porta non alla conoscenza, ma all'allontanamento da autori che magari possono essere interessanti, ma che l'atteggiamento di yorik, si faccio il nome tanto è pubblica la cosa allontana la gente dal suo "disprezzo" verso la libertà d'espressione e la libertà di parola, se questo è amare il cinema è molto lontano da doverlo sottolineare





Commenti

  1. Se la Dantesca legge del contrappasso ci aspettasse dopo la morte, questo qui sarebbe costretto a guardarsi, legato ad una poltrona e con gli occhi spalancati in stile "Trattamento Ludovico", tutti i film di: Pieraccioni, Moccia, Vanzina, Neri Parenti, Ruffini, Zalone ecc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono daccordo con te, così comincia a distinguere la vera merda o per meglio dire la vera "mediocrità" da chi il cinema lo ha rivoluzionato e ha fatto oggetto ispirativo di molti altri autori :)

      Elimina
    2. Scusa se mi permetto, ma essendo Yorick non solo uno stimato collega blogger ma proprio un caro amico (tra l'altro un'ottima persona), mi sento in dovere di dirti due cose. Innanzitutto che seguo questa tiritera (che tu stessa stai allungando) da due giorni e sinceramente mi sembra anche giunto il momento di porre un freno, non credi? In questo modo rischi di cadere in contraddizione ancor più di quanto tu non abbia già fatto finora (e potrei riportarti parecchi esempi, non c'è nessun problema), dimostrando che in realtà non sei affatto capace di sorvolare o prendere con spirito leggero (a differenza che altri blogger dei tuoi stessi "lidi", come li definisci, fanno) quelle che tu chiami "provocazioni", oltretutto dopo che ti è stato anche suggerito di lasciar perdere. Quindi, visto che in questa pagina per ora non vedo nessun Yorick, mi pare, credo che la discussione avrebbe potuto benissimo concludersi qui: http://lafabricadeisogni.blogspot.it/2014/04/cinema-da-popcorne-allora-il-cinema-e.html.
      A questo punto mi vien da pensare che l'unico scopo di questo post sia solamente quello di attirare gente come l'individuo qui sopra, al quale mi permetterei di rispondere che la suddetta legge Dantesca potrebbe valere allo stesso modo anche per lui (pensa quale agonia doversi assorbire per l'eternità tutta la filmografia di Tarr e compagni!). Detto ciò, e ponendoti nuovamente di fronte al tuo comportamento totalmente contraddittorio, trovo azzardato, nonchè sinonimo di ignoranza e vera ristrettezza visiva, definire "merda o mediocrità" un cinema di cui fondamentalmente non conosci nulla (e non perchè non ne hai occasione - il mio blog mi pare sia un esempio - ma proprio perchè è un cinema che rifiuti a priori e nel quale eviti di addentrarti, anche solo per curiosità, ci mancherebbe). Chi è allora che resta ancorato ai propri ideali tanto "da non capire che il mondo è molto + vasto"? Concludendo, e confidando in quel briciolo di obiettività che presumo ti sia rimasta tanto da capire che Pieraccioni, Moccia e compagni non hanno di certo rivoluzionato il cinema, sarei proprio curioso di sapere chi è che lo ha fatto: chi ha rivoluzionato il cinema facendolo oggetto ispirativo di molti altri autori secondo te?...

      Elimina
    3. Ma ancora commento 'sto tizio?

      Elimina
    4. allora, certe persone sono solo da compatire, stop di certo la mia era una battuta che per te yorick è un amico lo rispetto, ma il tuo amico prima deve rispettare gli altri: Non si può pretendere di entrare in casa altrui e fare il saccente di turno, secondo io avevo già seppellito l'ascia di guerra, solo che non appena ho visto sto messaggio ho risposo io alla stessa moneta, hai ragione a dire che Moccia e compagni non hanno certo rivoluzionato il cinema, lo penso pure io, ma chi pensa che il cinema si fermi a Tarr dumont e compagnia bella, e poi va con aria supponente a provocare in altri posti con aria di superiorità, non credi che fa la stessa identica cosa? Ora, io non sono cretina che mi vedo sputtanare nella sua pagina e sto zitta, per me la storia finisce qui, chi ha problemi non sono io, se lui fosse venuto qui per un semplice scambio, non sarebbe successo niente, gli piace provocare? A me no, perciò questa è casa mia, chi vuole lo scambio è benvenuto, ma con rispetto ok?

      Elimina
    5. Merda e mediocrità? La mia era solo una battuta per canzonare ciò che per il tuo amico è merda e mediocrità non mi permetterei mai di definire merda e mediocrità ciò che non conosco, a questo punto ti suggerisco bene di leggere il suo messaggio in "risposta" di ieri e leggere bene il mio post, capirai che la cosa non è così.

      Elimina
    6. Cinema che rifiuto a priori? E chi lo dice? Qui dentro non si rifiuta a priori nessun film, fatti un giro, e troverai recensioni di Ingmar Bergman, Tarkovskij, e tanti altri...ora se questo post è per difendere il tuo amico lo posso capire, ma si denota una certa mancanza di comprensione nel sottolineare questo, chi rifiuta a priori un certo tipo di cinema, per gusto - che qua dentro a differenza del tuo amico si rispetta - non sono certo io, e non mi fermo davanti a nulla, io giro, ricerco, leggo altri blog, non entro in casa altrui a "provocare" ciò che non condivido e non conosco, e con questo ho concluso, non a caso di recente ho proprio visitato il tuo blog e sono rimasta intrigata da un corto che vorrei vedere, se questo vuol dire rifiutare un tipo di cinema allora non solo non mi consci affatto, ma cadi anche tu in contraddizzione, e scusa se lo dico.

      Elimina
    7. Comunque la mia era una battuta, perchè se c'è una persona che rifiuta a priori "un certo cinema", di sicuro non sono io, come non lo è l'amministratrice di questo blog, ma proprio Yorick, che spande merda su chiunque (persino su Kubrick) affermando, esprimendosi in un linguaggio da bolscevico, che il cinema non è intrattenimento e che il vero cinema è SOLO quello che piace a lui. Per carità, ognuno è libero di pensarla come vuole, ma certi suoi discorsi sono più fascisti (usando il suo gergo) di quelli che un tizio pelato pronunciava da un balcone 70/80 anni fa...

      Elimina
  2. Non ho capito bene cosa è successo, io sono per la libertà di espressione e di critica ma un commento come questo, oltre ad essere snob, mi sembra anche trollesco.

    RispondiElimina
  3. Ma poi, chettecontempli??? ahahahahah

    RispondiElimina
  4. Non ho seguito dall'inizio l'accaduto (ma ho visto il tuo post sul cinema "da pop corn")... non capisco il senso di andare a ingaggiare battaglie a colpi di commenti polemici su blog altrui, dato che c'è spazio per tutti a questo mondo, ma magari c'è chi ama provocare e litigare... comunque sia il mio consiglio è.. lascia perdere e passa oltre.. so che è difficile, ma su queste cose ci si fa il fegato amaro e basta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.