Passa ai contenuti principali

Quattro Matrimoni e un Funerale

E' la commedia romantica per eccellenza degli anni novanta, e ha fatto rivelare l'attore Hugh Grant che interpreta il ruolo di Charles che è single, e crede che ormai non riuscirà a trovare l'anima gemella. Timido e impacciato e spesso causa delle gaffes...quello che non si aspetta è che al primo matrimonio di alcuni amici, incontra Carrie; lei è americana e accetta subito la corte di Charles credendo sia l'avventura di una notte.
Quello che non si aspetta è che i due si ritroveranno anche al secondo matrimonio, in cui approfondiscono quello che è nato al primo, ma...lei gli presenta il suo fidanzato Hamish.
Il terzo matrimonio è proprio quello di Carrie, e durante le nozze muore l'amico omosessuale Garreth, e qui c'è il funerale...
E il quarto matrimonio? E' quello di Charles che sposa Henrietta che gli amici chiamano faccia da chiulo...ma un imprevisto forse farà cambiare idea al nostro amico...

Una commedia deliziosa, con un ritmo particolarmente serrato ed efficace, il regista sa dove deve andare a puntare, e fa di tutto per rendere gradevole la storia e i personaggi, quasi come se lui stesso ci rende partecipi di quei matrimoni, come se lo spettatore fosse uno dei protagonisti del film.
Non capita tutti i giorni di vedere un film del genere, soprattutto quando i protagonisti siano allo stesso tempo simpatici e accattivanti.
Non manca nulla in Quattro Matrimoni e un Funerale, gli ingredienti sono ben dosati e risulta molto facile immedesimarsi nella storia e riconoscersi nei personaggi.
Nonostante sia una commedia romantica non è affatto sdolcinato, in molte commedie del genere c'è questo rischio e qui fortunatamente non succede.
C'è ironia, molta ironia, e il fatto che sia inglesissimo e perspicace punta dritto al suo obiettivo in maniera precisa e non fa per niente giri di parole o si perde in assurdi preambuli.
E questo signori miei è più un pregio che un difetto.
Ma di difetti ce ne sono?
Forse, non è certo un capolavoro, ma si fa vedere bene perchè è molto divertente. Con un genere come la commedia romantica, aspettarsi un capolavoro è una parola grossa, è senz'altro un buon film; fate attenzione alla piccola parte di Rowan Atkinson che è la più divertente del film.
In conclusione: un piccolo grande film sull'amore, una commedia dallo humor british che diverte e allo stesso tempo conquista, grazie ad un tocco fresco e frizzante.
Cosa volere di più da una commedia romantica?
Voto: 7



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.