Passa ai contenuti principali

Rocky IV

Eeeh che film abbiamo stasera?
Uno dei film mito degli anni ottanta, ma voi quando eravate bambini avete fatto il tifo per rocky?
Perchè se non l'avete fatto, vi siete persi una gran cosa, poi Sylvester Stallone era un divo in quegli anni, lo è tutt'ora ma con rocky ha interpretato e creato forse il suo personaggio migliore.
Ma poi ve la ricordate la battaglia sul ring tra usa e urrs in piena guerra fredda? Rocky contro Ivan Drago, e questo dice al mitico "Ti spiezo in due" e Rocky replica - ma nel frattempo si era fatto un culo grande come una casa ad allenarsi spaccando legna e sollevando tronchi di duecento chili - provaci che aspetti? - Ma poi il combattimento, l'adrenalina e le emozioni che galoppano attimo per attimo, beh c'è da divertirsi no?
Ok, anche Arwen nel suo piccolo cercherà di recensire film testosteronici, no tranquilli non mi crescerà il pisello hahaha, lo faccio per curiosità e divertimento, come ho sempre fatto durante la mia carriera di cinefila, dunque procediamo.
Rocky IV comincia con la morte di Apollo Creed, sul ring, contro Ivan Drago già citato in precedenza, e il nostro eroe, Rocky Balboa conscio del rischio al quale sta per incapparsi non si intimidisce di fronte a quella montagna di muscoli e anabolizzanti, e sfida il russo in un match, che si giocherà a casa di Drago.
 Ok, il film è una metafora sullo scontro tra America e Russia, in cui l'americano tutto d'un pezzo e rappresentato da Rocky Balboa, viene presentato come un uomo che non si arrende mai, un uomo che non ha paura di attaccare un colosso come Ivan Drago e che si spacca il culo e la schiena per allenarsi, al contrario Ivan Drago, ha per allenarsi gli attrezzi più all'avanguardia ed è seguito da medici e allenatori, e aiutato anche dagli anabolizzanti, si veda la siringhina prima dell'allenamento cruciale hehehe...
Anche Ivan però è un essere umano, e lo dimostra durante il durissimo incontro di boxe dove prima veniva elogiato Drago, quando Rocky comincia a dare pugni grossi con tutta la forza che ha in corpo anche i russi cominciano a tifare per lui.
Lo scontro tra Russia e Stati uniti viene combattuto sul ring, ma questa volta i due contendenti combattono per i loro ideali più che per un titolo, se gli ideali di Rocky appartengono a tutti noi, che sono uguaglianza, giustizia e pace per tutti, Drago combatte per la gloria e per la madre Russia? Naaa, combatte solo per vincere, non dimentichiamo che gli americani oltre ad avere ideali giusti e coraggiosi sono anche patriottici, e questo li porta ad esaltare la figura dell'americano come uomo coraggioso che combatte per ideali giusti e buoni ma il nostro eroe, combatte pure per vendicare l'amico ucciso da Ivan Drago davanti ai suoi occhi, combatte soprattutto per quello, perchè il valore dell'amicizia supera tutto quanto.
E che voto metto a Rocky IV?
Ce metto il sette?
Annamo va Voto: 7
Motivo del voto, questo film ti coinvolge emotivamente dalla prima all'ultima scena, la regia di Stallone sa che storia vuole raccontare e non si nasconde dietro a tanti fronzoli, dirige il film come l'ha scritto stop! Forse è quella sua sincerità a farcelo amare maggiormente, oltre che una bella dose di ideali buoni e giusti!!!

E come ciliegina sulla torta pure il video dell'allenamento, non ve faccio mancà nulla a voialtri eh?


Commenti

  1. La lacrimuccia durante il discorso finale di Rocky davanti al pubblico Russo scende ancora oggi... La gag del robot al servizio di Paulie mi strappa sempre un sorriso, invece... Filmazzo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.