Passa ai contenuti principali

Monument Men

Monuments Men?
Un occasione sprecata.
George Clooney avrà tutti i buoni propositi del mondo, ma non basta a fare un grande film; ci vuole di più: soprattutto i contenuti.
Seppur la forma sia impeccabile,  e nonostante racconti un evento storico di fondamentale importanza, si perde in prolissi delungamenti che non hanno nulla a che fare con i grandi film.
Con la forma, ci vuole la sostanza ed è proprio quello che manca a questo film.
Non si può solo fare un film sui valori e gli ideali come la raccolta di opere d'arte e rimanere fermi a quegli ideali eliminando ogni coinvolgimento con gli spettatori.
Un occasione sprecata appunto.
Peccato perchè il film aveva tutti i presupposti e le potenzialità per essere un ottimo film, invece resta solo un esercizio di stile, seppur con alcuni momenti interessanti, non raggiunge mai certi livelli di altre sue opere ben più pregevoli di questa.
Avevo molte aspettative per questo film, aspettative che non sono state soddisfatte.
Apprezzo Clooney sia come attore, che come regista ma ultimamente ha rivelato il suo lato più politically correct annacquando un po' i film che dirige, e questo annacquamento è cominciato dalla commedia romantica con Renée Zellweger.
Un film che poteva essere ottimo, ma che purtroppo non è quello che promette.
Raccontare la storia può avere i suoi vantaggi, ma il modo in cui la si racconta può far cadere gli ottimi propositi come un castello di carte.
Una delusione cocente, e questa volta devo dare ragione alla recensione di Kelvin con cui condivido il parere.
Uno dei film che se non va visto non si sente decisamente la mancanza, c'è sicuramente di meglio in giro, film decisamente migliori di questo.
Se volete un grande film di guerra, guardate altro, se volete un capolavoro soprattutto...ma se saltate questo di certo non ne sentirete la mancanza.
Trascurabile, sotto ogni punto di vista.
Voto: 5



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.