Passa ai contenuti principali

The Lego Movie

Lego Movie? Ok, basta la parola.
Ehy ehy ehy, che avete capito, no non finisce qui la recensione, diciamo che è appena cominciata.
Allooooora, la storia è quella di un operaio Emmet, che fa normalmente il suo lavoro ed è completamente ignaro di cosa succede nella città, finchè un giorno non cade nella voragine e rimane attaccato a un pezzo luminoso...ma che succede intorno a lui? Il mondo sembra essere cambiato senza che lui se ne fosse accorto...infatti con l'arrivo di un altra pupazzetta lego in cui accade questo incidente, diventa avventuriero per la salvezza della sua città da una dittatura feroce che mina la tranquilla vita degli abitanti...

E così Emmet, un timido operaio si trasforma in super eroe per la salvezza dell'umanità. Riuscendo pure  a smacherare una setta che lo crede il prescelto, riuscirà forse a detronare anche il cattivo dittatore della città?
In un susseguirsi di colpi di scena, scene esilaranti, e la nascita timida dell'amore tra Emmet e la sua legolina, che conosce batman, supereroe vero che darà una mano al nostro piccolo amico, anche se scatenerà la sua gelosia per la conquista della legolina.
In complesso un film divertente e spensierato, come non si vedevano da tempo, se siete stati bambini negli anni 80/90 conoscerete la lego con i suoi mattoncini e pupazzetti, perchè ci abbiamo giocato tutti noi, ragazzi della vecchia generazione.
Così ecco un film che ricorda la grande marca di giocattoli, mettendo ingredienti speciali, quali l'avventura, l'amore, il fantastico, e via dicendo in un miscuglio di suspance divertimento, umorismo e più ne ha, più ne metta.
Cosa chiedere di più da un film d'animazione che ti fa anche sorridere?
Nonostante sia appetitoso, dobbiamo però dire che la parte migliore si ha quando sono in scena le animazioni. Quando arriva il live action il film ci perde un po' calando la tensione, e quindi ciò che poteva essere un ottimo film si sgonfia come un sufflè uscito troppo presto dal forno. Peccato.
Se fai un film d'animazione deve essere d'animazione tutto quanto, se ci metti pure gli attori finisce la magia.
Senza infamia e senza lode con il guizzo di essere appetitoso.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.