Passa ai contenuti principali

Before Sunrise - Prima dell'alba

Oooh ora si che si ragiona, come dico dalle mie parti quando parlo di cose che mi piacciono, ecco un piccolo film basato sull'empatia, sul caso o anche sul destino che fa scoccare la scintilla tra due persone, apparentemente diversissime tra loro, eppure si da il caso che incontrandosi sul treno sembrano condividere molto di più che una semplice conoscenza casuale.
Ok, lo so, siamo dalle parti della commedia romantica, ma senza le smancerie e la saccarina dei film con Meg Ryan, grazie a Dio.
Protagonisti sono due giovani, Jessie - Ethan Hawke e Celine - Julie Delpy, che si incontrano per caso e cominciano a chiacchierare amabilmente, ma si da il caso che parola dopo larola, scocchi qualcosa in più della semplice conoscenza, non si può certo chiamare amicizia, sarà forse amore?

Delizioso, questo è l'aggettivo per descrivere questo film, ma soprattutto è secondo me anche fresco, effervescente, colorato, di rado al cinema si vedono film senza fronzoli girati in questo modo.
E visto che siamo nell'epoca ormai del cinema artificiale, fa piacere ripescare film con protagonisti esseri umani di cui ci si può riconoscere.
E' il caso di questo Prima dell'alba di Richard Linklater, il cinema indipendente avvolte sforna piccoli gioiellini che vale la pena tenere in considerazione, tra i quali spunta questo, che ho recuperato grazie all'amico Ford di cui ne ha parlato mesi fa, e io come di consueto ho visto tutta la trilogia, che ho concluso il mese scorso.
Ringrazio quel vecchio cowboy per avermi rinfrescato la memoria e così mi sono convinta a ripescarla pure io, risultato? Come faccio a non amare Jessie e Celine? Ditemelo voi.
Vabè forse il fatto che sono femmina mi ci sono riconosciuta parecchio, si da il caso che pur essendo un film d'amore, evita i consueti stereotipi e descrive una storia d'amore con tutta la freschezza della prima volta, senza fronzoli e drammi paradossali, o inutili scenette e questo signori miei è più un pregio che un difetto.
Qualcuno dirà, ma è vuoto, non c'è passione, non c'è pathos, ma scusate, ci sono le parole, il confrontarsi il conoscersi, di due ragazzi, il che è molto realistico non trovate? Poi è anche eccitante: incontrare uno sconosciuto così per caso, e scoprire che scatta la scintilla, ma quando capita una cosa del genere? Ecco solo al cinema.
Si chiama empatia, o anche realismo, ciò che manca al cinema d'oggi, e io dico ragazzi ripescate e guardate questo film compresi tutti gli altri, perchè davvero ne vale la pena, anche se non è un capolavoro, ma poco importa, un bel voto se lo merita comunque, con pregi e difetti connessi.
Dico soltanto una cosa: il finale suggerisce il seguito della storia come in futuro avverrà.
Voto: 6 e 1/2




Commenti

  1. Grazie della citazione! E ottima trilogia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si sono daccordo, domani recensisco il secondo capitolo ^_^

      Elimina
  2. Tutti e 3 i film mi sono piaciuti tantissimo... Pur essendo praticamente solo "parlati" non stancano mai. Quando li scoprii me ne innamorai immediatamente. Fantastici!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è vero, hai ragione, sono più veri questi che tanti film manieristici e senz'anima costruiti ^_^

      Elimina
  3. io ci vado pazzo per quei tre film. leggerezza e profondità, improvvisazione e grande tecnica registica: tre perle

    RispondiElimina
  4. questo è un vuoto che ho sugli anni Novanta che devo assolutamente colmare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo, sono sicura che ti piacerà :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.