Passa ai contenuti principali

Club Silencio - Stagione 1 Puntata 3 - 8 e 1/2

Club Silencio...
Special settimanale della fabbrica dei sogni curato da Arwen Lynch, questa settimana si parla di 8 e 1/2 capolavoro di Federico Fellini con Marcello Mastroianni, Anouk Aimee e Sandra Milo.

Eccoci arrivati all'appuntamento con Fellini, per me è e resta il più grande regista italiano di tutti i tempi, per Club Silencio ho scelto il suo film più surreale, e anche il più personale.
Qui Fellini racconta se stesso, il suo passato, il suo futuro e soprattutto il suo presente, potremo definirlo la summa del suo cinema, dove all'inizio trovi il protagonista dentro un sogno ingabbiato in una galleria con dei pullman fermi, per poi vederti librare in aria con una corda sulla gamba, e al risveglio c'è lui, Guido Anselmi regista in crisi creativa ma anche personale, ci sono la moglie, l'amante, la madre, il padre e via dicendo.
Un intero universo generato da un genio assoluto della settima arte, che racconta se stesso attraverso l'attore feticcio Marcello Mastroianni, vero e proprio alter ego personale che incarna le paure, la vita attraverso i sogni, gli incubi e tutto ciò che lo ha segnato nella vita, persino l'influenza della chiesa cattolica che ha in un certo senso tramortito la sua vita sessuale.
Il tutto raccontato con sguardo disincantato, in un film che è una esplicita dichiarazione d'amore verso il cinema ma soprattutto verso la vita. Un film capace di influenzare tantissimi registi, con risultati più o meno riusciti, anche se sinceramente risultano essere alcuni ombre di un capolavoro che messe a confronto cadono miseramente (si veda il musical Nine di Rob Marshall), altri ispirati ma personalizzati in  maniera unica senza toccare il lavoro di fellini (come All That Jazz di Fosse), altri ispirati alla letteratura erotica come (8 donne e mezzo di Greenaway).

Qui Troverete un filmato che parla del film in maniera esplicativa.

 Cosa fa di un artista un genio? Cosa può accompagnarlo nel grande disegno divino che gli ha dato un grande talento? Ovviamente un viaggio dentro se stesso e il suo mondo, il viaggio di Guido Anselmi è un viaggio che prima o poi ognuno di noi deve percorrere, e sono le cose che amiamo di più a darci l'ispirazione giusta, il guardare dentro noi stessi e scoprire che la strada che dobbiamo prendere è proprio lì davanti a noi, ma forse eravamo troppo ciechi per percorrerla, o forse non eravamo abbastanza preparati, o concentrati.
Ma che succede?
Il regista decide che il film non si fa più, si arrende getta la spugna, ma è proprio qui che succede quello che non si aspetta...



ma questo vuol dire rinunciare ai propri sogni, alla propria vita, e quando capirà che il grande circo del suo mondo arriva per riportarlo sulla retta via, cambia idea. E menomale direi...
Dopo molto tempo a sognare, e a rimanere attaccati a un illusione, finalmente rimette i piedi per terra per poter fare il film, fa pace con il suo passato, con i suoi fantasmi e trova la strada da intraprendere...





Fellini ci ha regalato un grandissimo film, imprescindibile se amate il cinema o se volete entrare in quel grande calderone della fabbrica dei sogni per diventare registi.
Un opera che ha accompagnato generazioni e generazioni di spettatori, cinefili, semplici appassionati e registi, che ha cambiato il modo di fare e soprattutto di vedere il cinema, lì dentro quel film, ci sono tutti i generi cinematografici esistenti, il fantastico il surreale, il drammatico e via dicendo, un opera maiuscola di questa portata soltanto un grandissimo regista quale era fellini è riuscito a fare uscire fuori, gli altri - pur avendo fatto alcuni opere maiuscole che lo omaggiano - hanno solo preso ispirazione da questo grandissimo film.
E con questo è tutto, noi ci rivediamo dopo pasqua, il 26 aprile, con un film stavolta diverso dal solito che presento per questi specials, si tratta di Le Onde Del Destino di  Lars Von Trier, se volete partecipare non dovete fare altro che spedirmi il vostro scritto qui lafabricadeisogni@gmail.com.
A presto :)

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.