Passa ai contenuti principali

110 e Lode

Dopo la pausa pasquale, di cui mi scuso di non avervi avvertiti, eccomi che ritorno con le recensioni, stavolta in orario notturno, così ho la giornata libera e posso vedere altri film, dunque vediamo: Aaaaaaaaaah ecco oggi abbiamo 110 e Lode film commedia di Alek Keshishian con Brendan Fraser, Joe Peshi e Moira Kelly.
E' la storia di uno studente universitario che il giorno in cui si fonde l'hard disk e cerca di fare la fotocopia della sua tesi, questa va a finire nello scantinato dove vi abita un barbone...con cui fa amicizia.
Solo che non sa che l'identità del barbone non è quella che dice, ma è una persona importante: una di quelle che ti cambiano la vita, per sempre.

Ho trovato questo film piacevolmente curioso, non è il classico film triste o borioso, pur essendo una commedia c'è un percorso di crescita spirituale del protagonista Monty, impersonato dal bravo Brendan Fraser, che con il suo gruppo di amici si prepara per il grande evento della sua vita: la laurea.
Un punto d'arrivo ma anche una svolta per la vita, in cui si aprono porte, e si cambia. Ma forse quella svolta sta proprio nello scantinato universitario, con un barbone che diventa guida spirituale per il giovane e i suoi amici, pur non essendo daccordo all'inizio, alla fine capiranno che in quel timido birbone si nasconde più di un amico.
Diretto da Alek Keshishian, autore prima di questo film del tanto chiacchierato A Letto con Madonna, con la sua pellicola più cinematografica e matura diciamo, anche se il tocco di lady ciccone è presente soprattutto nella soundtrack, qualcuno si ricorda di I'll Remember?
Dopo di che, credo - vorrei non sbagliarmi - questo regista sia sparito del tutto, comunque sia ci ha regalato una pellicola intrigante fresca e non banale, un viaggio di crescita che ricorda piuttosto alla lontana molte pellicole passate, e seppur non brilli di originalità, riesce a conquistare lo spettatore grazie a una spiccata empatia con i personaggi, il che è più un pregio che un difetto.
Non è un capolavoro, ma si fa vedere bene, piacevole come pellicola di intrattenimento intelligente che non pretende di essere un grande film, ma al contrario avvince grazie alla capacità dei personaggi di farsi identificare con il pubblico.
Senza infamia e senza lode.
Voto: 6 e 1/2


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…