Passa ai contenuti principali

Première Week - Thelma

Lo dico subito, così spacchiamo il capello in quattro: tralasciando l'elemento soprannaturale del film, che è abbastanza centrale, è un film legato all'amore, alla paura dei sentimenti e soprattutto al rapporto difficile tra fede e vita, genitori e figli, e potrei esporvi migliaia di argomentazioni incredibili.

Questa designata di sopra, non è solo la tematica di un film che centra il rapporto di una ragazza, che va al college scoprendosi innamorata di una sua coetanea, Joachim Trier mette subito nero su bianco rivelando già i poteri di Thelma, la protagonista del film, che si rivelano senza che lei si renda conto di averli, tutto sembrerebbe legato alle sue crisi epilettiche, per questo chiede un parere medico, e il responso è come se fosse uno schiaffo dato in piena faccia...
Appena guarderete il film capirete di cosa sto parlando, non intendo spoilerare.
Quali sono allora i suoi poteri?
Man mano che la pellicola va avanti, ci accorgiamo sin da subito, che le paure di Thelma, sono legate alla rigida educazione cattolica ricevuta dai genitori, lei cerca in ogni modo di reprimere i sentimenti per la ragazza, facendola scomparire letteralmente dalla faccia della terra, ma il vero problema è un altro, ed è legato alla nonna che è chiusa in un ospedale psichiatrico.
Per me è un film da vedere, Joachim Trier, è senza dubbio un autore da tenere d'occhio, perché Thelma non è un semplice film, il soggetto è abbastanza complesso, spesso mi sorprendevo durante la visione per l'ideazione di tempi dilatati, esperimento per una narrazione degli eventi che da allo spettatore il tempo di riflettere, ed empatizzare con la protagonista, di capirla, di non condannarla, e di entrare nel suo mondo.
Durante tutto l'arco della visione mi sono sentita osservata da questo film, come se il film stesso non si limitasse solo a narrare una storia, ma cercasse di infondere allo spettatore il suo grado di emotività, in parole semplici, non è un film che si guarda con pacchetto di popcorn in mano e poi lo dimentichi; questo è un film capace di far riflettere sulla diversità umana, sui limiti imposti dai pregiudizi della religione, sulle scelte personali e sulla libertà di amare.
Alla fine Thelma risulta essere una donna innocente, che una volta scoperti i suoi poteri, fa una scelta eclatante - e quando guarderete il film capirete di che si tratta - scegliendo l'amore e accettando finalmente se stessa.
Ho trovato anche intrigante il rapporto difficile con il padre, che alla fine cercherà di chiuderla come un animale in gabbia.
Basta non dico altro...anzi una cosa la dico: Buona Visione.
Uscita al cinema: Sconosciuta





Commenti

  1. Mi ispira. E' in lista d'attesa: ovviamente di distribuzione in Italia nessuna traccia.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.