Passa ai contenuti principali

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Secondo il mio parere, non è male come film, ma non è certo uno di quegli horror che ti segnano per la vita, non so se ve ne rendete conto.
Per quanto mi riguarda mi è piaciucchiato il film, anche se devo dire gli autori si sono spinti un po' oltre con la sceneggiatura, toccando un po' l'esagerazione.
E' vero che a volte le anime dei defunti quando sono condannati ingiustamente - almeno così il film vuole fare intendere - cercano la vendetta, ma è anche vero che il film si riferisce a una storia realmente accaduta...il mio dilemma è...quanto c'è di vero in questa storia?
Fino alla visione del medesimo film, non nego che ne sono rimasta coinvolta e in ben più di una occasione mi ha incollata alla poltrona, però...quando ho visto un video di youtube che questo tizio è stato realmente condannato a morte mi sono cadute le braccia.
Vabè che vi devo dire, film non troppo spaventoso, ma comunque gradevole, certo se vi aspettate qualcosa di più vi sconsiglio la visione, perché ovviamente ne rimarrete delusi; se invece cercate un film d'evasione magari anche se non vi piacerà del tutto, potreste gradirlo almeno un po'.
Per me non si tratta di un brutto film, secondo me si tratta di un opera che se sviluppata meglio avrebbe fatto la sua figura, non dico che poteva essere un capolavoro, però un ottimo film magari lo si poteva fare con questi presupposti.
Resta comunque un film godibile per coloro che non hanno grandi pretese e vogliono un po' di svago davanti a un pacchetto di popcorn.
Film d'intrattenimento che ha dei momenti curiosi e interessanti grazie alla facile immedesimazione della storia - fin troppo direi - che seppur sono ben orchestrate, danneggiano le potenzialità profonde della pellicola. Peccato.
Per me si può vedere ma non aspettatevi certo il film per cui la locandina promette tanto ma non da.


Commenti

  1. Simon Rumley ha un modo di dirigere che non prende davvero prigionieri, a me è piaciuto, certo non ti cambia la vita ma è perfetto da vedere a casa di notte da soli ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si, anche a me è piaciucchiato, anche se devo dire ci sono horror sia migliori che peggiori, cmq si lascia vedere bene ^_^

      Elimina
  2. Ciao Arwen, c'è un Liebster per te...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.