Passa ai contenuti principali

Blade Runner 2049

Adesso tocca a me parlare del seguito di Blade Runner.
Non è facile bissare la qualità di quello che è ormai uno dei capolavori della storia del cinema, e soltanto un regista come Denis Villeneuve, poteva dirigere il remake che già si preannunciava un operazione assai difficile.
Allora mi è piaciuto o no questo film?
La risposta è ovviamente...leggete la mia recensione.

Per quanto mi riguarda il viaggio che mi ha fatto fare Denis Villeneuve è stato sorprendente e particolare.
Non ci sono dubbi che replicare qualcosa di già fatto esattamente 25 anni fa sarebbe stata un operazione alquanto sbagliata e ingiusta nei confronti di un capolavoro, ma l'idea di fare un seguito personale l'ho trovata un idea originale e poco utilizzata al cinema di questi tempi.
Un seguito è un operazione rischiosa, è vero, e questa cosa non si presenta con Blade Runner 2049, perché è una storia completamente diversa rispetto al precedente film.
Qui, Villeneuve sceglie di percorrere una strada rischiosa per un film di fantascienza, che non è la narrazione, o uno spettacolo roboante e ricco di effetti speciali, ma costruisce una specie di thriller introspettivo legato soprattutto ai personaggi e al loro passato da ricostruire, con una narrazione a tratti impercettibile, che non è invadente.
Alcuni potrebbero trovarlo un po' noiosetto, io invece ho visto qualcosa di nuovo e che non è stato toccato al cinema di fantascienza in questi ultimi anni, una narrazione capace di far riflettere lo spettatore creando empatia coi personaggi, vi sembra poco?
No, non è poco, se il regista è uno come Denis Villeneuve, che col suo cinema sorprende sempre...e si devo fare una rassegna a lui dedicata ringraziando sempre l'amico Ford, per avermelo fatto conoscere...evviva gli amici bloggers hehe xD.
Il film come ho detto è particolare, bisogna osservarlo e guardarlo bene per accorgersene, che non si tratta di un film da popcorn, ma di un opera che è entrata nei cult movies della sottoscritta, infatti da Good, ho cambiato in cult, perché questo film ci sta benissimo.
E' decisamente uno dei migliori film della stagione, questo senza ombra di dubbio.
Sinceramente un seguito degno di stare accanto al film originale, e Villeneuve, si conferma ancora una volta un regista da tenere d'occhio.
Solo un regista dal grande talento poteva dirigere un sequel così rischioso, e Villeneuve è  un regista che ha dimostrato coraggio, con una operazione che sulla carta poteva risultare difficile.
Vincendo una scommessa con il pubblico? Certamente e anche con me, che ho sempre amato la pellicola originale di Ridley Scott, che mio fratello buonanima mi ha fatto conoscere.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.