Passa ai contenuti principali

Finalmente la felicità

Eh mi spiace, ora lo devo dire. Negli anni novanta l'avvento di Pieraccioni al cinema è stato un exploit, qualcosa di originale e nuovo che ha sorpreso persino me. Ma con gli anni ha ripetuto quella formula vincente, generando pellicole qualitativamente al di sotto delle aspettative che all'esordio pareva promettere e che ahimè non ha mantenuto.
Adesso è un quarantenne che sembra un ragazzino cresciuto, sempre a dirigere film in cui trita e ritrita c'è sempre la bella ragazza come protagonista, una storia accattivante e via dicendo: Poco, mooolto poco, e nell'anno del fallimento dei cinepanettoni, sul braciere ci è andato anche lui.
Ben gli sta un critico direbbe, io invece sono dispiaciuta perchè effettivamente presentare la solita minestra riscaldata al pubblico prima o poi questo pubblico si stanca e passa ad altro.
E stiamo parlando dell'autore de Il Ciclone, film che ha superato tutti i record di incassi nel cinema italiano. Da qualche anno in avanti mostra commediole incapaci di bucare lo schermo come i suoi film precedenti, con personaggi scialbi, caratterizzati sempre dalla solita italianietà che a lungo andare infastidisce. Si Leonardo Pieraccioni è simpatico lo ammetto, e il film non mi è dispiaciuto, ma non sono più gli anni novanta, quindi è giunto il momento di cambiare anche stile e sfidare il pubblico con pellicole spregiudicate e coraggiose, ma invece questo Pieraccioni non lo fa. Si ferma alla solita commediola dagli incassi facili, per un pubblico senza particolari pretese, ma anche quello alla fine vuole vedere qualcosa di diverso, di più accattivante; si dice che la crisi serve per maturare, speriamo che questa crisi finisca e che presenti una pellicola anche di genere commedia ma capace di far divertire come ai vecchi tempi, e anzi se ci  mette pure qualcosa di innovativo ben venga...ma Leonardo Pieraccioni è capace di osare? Oppure si limita a fare il suo brodino per la minestra?
Ma andiamo al film, il protagonista è un giovane, che viene invitato a C'è posta per te perchè gli ha scritto la sua sorella adottiva, che è venuta in italia per conoscerlo. Il ragazzo conoscerà allora il segreto della madre, che ha adottato una bambina a distanza, e deve imparare a convivere con questa realtà...da allora nella sua vita arriva la felicità che la cambierà in meglio.
Ora il film è spensierato e lo ammetto, alcuni momenti mi hanno divertita, ma da uno come Pieraccioni mi aspetto un film che mi diverte dall'inizio alla fine, come ai vecchi tempi, oppure come dicevo io una pellicola che sa osare...Leonardo, ce la fai a sfidare il pubblico? Io sono qui che ti aspetto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.