Passa ai contenuti principali

Finalmente la felicità

Eh mi spiace, ora lo devo dire. Negli anni novanta l'avvento di Pieraccioni al cinema è stato un exploit, qualcosa di originale e nuovo che ha sorpreso persino me. Ma con gli anni ha ripetuto quella formula vincente, generando pellicole qualitativamente al di sotto delle aspettative che all'esordio pareva promettere e che ahimè non ha mantenuto.
Adesso è un quarantenne che sembra un ragazzino cresciuto, sempre a dirigere film in cui trita e ritrita c'è sempre la bella ragazza come protagonista, una storia accattivante e via dicendo: Poco, mooolto poco, e nell'anno del fallimento dei cinepanettoni, sul braciere ci è andato anche lui.
Ben gli sta un critico direbbe, io invece sono dispiaciuta perchè effettivamente presentare la solita minestra riscaldata al pubblico prima o poi questo pubblico si stanca e passa ad altro.
E stiamo parlando dell'autore de Il Ciclone, film che ha superato tutti i record di incassi nel cinema italiano. Da qualche anno in avanti mostra commediole incapaci di bucare lo schermo come i suoi film precedenti, con personaggi scialbi, caratterizzati sempre dalla solita italianietà che a lungo andare infastidisce. Si Leonardo Pieraccioni è simpatico lo ammetto, e il film non mi è dispiaciuto, ma non sono più gli anni novanta, quindi è giunto il momento di cambiare anche stile e sfidare il pubblico con pellicole spregiudicate e coraggiose, ma invece questo Pieraccioni non lo fa. Si ferma alla solita commediola dagli incassi facili, per un pubblico senza particolari pretese, ma anche quello alla fine vuole vedere qualcosa di diverso, di più accattivante; si dice che la crisi serve per maturare, speriamo che questa crisi finisca e che presenti una pellicola anche di genere commedia ma capace di far divertire come ai vecchi tempi, e anzi se ci  mette pure qualcosa di innovativo ben venga...ma Leonardo Pieraccioni è capace di osare? Oppure si limita a fare il suo brodino per la minestra?
Ma andiamo al film, il protagonista è un giovane, che viene invitato a C'è posta per te perchè gli ha scritto la sua sorella adottiva, che è venuta in italia per conoscerlo. Il ragazzo conoscerà allora il segreto della madre, che ha adottato una bambina a distanza, e deve imparare a convivere con questa realtà...da allora nella sua vita arriva la felicità che la cambierà in meglio.
Ora il film è spensierato e lo ammetto, alcuni momenti mi hanno divertita, ma da uno come Pieraccioni mi aspetto un film che mi diverte dall'inizio alla fine, come ai vecchi tempi, oppure come dicevo io una pellicola che sa osare...Leonardo, ce la fai a sfidare il pubblico? Io sono qui che ti aspetto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.