Passa ai contenuti principali

The Amazing Spiderman

Dopo la moda dei remake da un po' di anni c'è la moda dei reboot, cosa sono i reboot? Non sono semplici rifacimenti, ma una nuova trilogia pensata con attori diversi e storie diverse. E' il caso anche di The Amazing Spiderman, uscito l'estate scorsa ma che non ha fatto l'effetto dei film diretti dal grande Sam Raimi, a cominciare dal protagonista che non ha l'appeal di Toby Maguire e la sua controparte femminile che non ha il carisma di Kirsten Dunst.
Qualcuno direbbe, è una pura operazione commerciale tanto per fare soldi, e può anche essere dopo tutto si tratta di un blockbuster con i tipici ingredienti che lo caratterizzano.
Ma manca qualcosa, il tocco di genio dell'autore; se Sam Raimi ha diretto si un blockbuster, ma aggiungendo il suo talento visivo caratterizzando il personaggio dell'uomo ragno e rendendolo più vicino al pubblico, sia con i suoi pregi e con i suoi difetti, creando una specie di alchimia che ha fatto centro al primo colpo.
Mark Webb non ha la capacità di entrare in sintonia col suo pubblico, presenta il compitino esattamente come la casa di produzione lo chiede, nè più nè meno, togliendo l'empatia che ha caratterizzato la trilogia precedente. Se nella prima trilogia Spider man era uno di noi, in questa seconda trilogia Spider man diventa l'eroe carismatico a cui tutti si ispirano, togliendo di fatto quell'alchimia in cui anche una persona normale può essere considerata un eroe.
I protagonisti sono Andrew Garfield e Emma Stone, che interpretano rispettivamente Spider man e Gwen Stacy aaah dimenticavo, Mary Jane non c'è, quindi questa volta Peter si innamora di Gwen che è la figlia del capo della polizia.
Dunque andiamo alla storia, stavolta Peter Parker/ Spider man cerca di far luce sulla misteriosa morte dei suoi genitori, e incontra uno scienziato folle, che sarà il suo antagonista, durante una visita scolastica viene morso da un ragno geneticamente modificato e scopre così i suoi poteri, all'inizio sembra spaventato ma poi prende coscienza di se e li utilizza per aiutare gli innocenti.
La morte dello zio modifica ulteriormente il suo destino, e una volta preso il colpevole deve fare i conti con quello scienziato che ora ha creato un siero per trasformare gli umani in lucertole, riuscirà a fermarlo prima che sia troppo tardi?
Se volete vi consiglio di recuperare la trilogia di Sam Raimi che è di gran lunga migliore di questo film, che potete guardare per osservare uno sguardo differente di quello di Raimi, ma  nulla di più.
DA VEDERE COME UN DIVERSIVO.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.