Passa ai contenuti principali

To Rome With love

Eh no Woody, stavolta non ci siamo. Mi sa che ambientare il film in italia, e più precisamente a Roma non ha giovato all'ispirazione del grande regista Newyorkese. Abbandonati i fasti delle sue tre città del cuore, al quale si è aggiunta da un bel po' di anni anche Londra, Woody Allen sbarca in italia, con un film che sembra un mix tra la commedia romantica americana, e la copia mal riuscita o quasi del trittico manuale d'amore. Qui siamo proprio alla lontana, e tanto per aggiungere la ciliegina sulla torta quale attore italiano migliore scegliere? Ma Roberto Benigni; che per l'occasione debutta proprio per la prima volta in un film Alleniano, però c'è qualcosa che non va: ci sono troppe cose. Come dice un vecchio proverbio il troppo storpia, e lo si nota da una trama piuttosto confusa e inconcludente; da personaggi che vengono presentati senza mordente; da una regia che invece di aggregare il tutto è priva di ispirazione ed è incapace di raccontare al meglio la storia.
Per una volta, mi sembra logico dire che Woody Allen avrebbe fatto meglio a mettersi in pausa e scrivere un film più ispirato, piuttosto che dirigere questo filmetto che messo a confronto con cinepanettoni non è che si vede tanto la differenza. Stavolta Allen ha fatto un film all'italiana, ricchissimo di stereotipi e clichè, che non ci fanno fare una buona figura a noi italiani, lo devo dire.  Gli attori? Forse la migliore è Penelope Cruz, che offre al pubblico un ruolo colorito e spumeggiante, Benigni che in altri film è stato bravissimo e in alcuni anche fenomenale, in questo è una catastrofe assoluta, la sua parte non si capisce del tutto e non viene descritta come dovrebbe, perchè viene inseguito dalla tv? Cosa gli è successo? Non si spiega nulla, per questo film Allen è come uno stalliere pazzo, che guida un cavallo senza dirigerlo a dovere, per la prima volta non riesce ad amalgamare personaggi e trama per fare un film degno del suo nome, gli è successo diverse volte dove è stato brillante, si nota un titolo come La Dea dell'amore, o il film che ha preceduto questo  Midnight in Paris, dove ci ha regalato una trama parallela e originale.
La parte migliore è senza dubbio quella di Allen, nel ruolo del padre che scopre il tenore che canta bene solo sotto la doccia, il resto è solo noia.
Per questo film c'è un pollice verso, mi dispiace, lo so Allen è uno dei miei registi del cuore, ma quando si toppa si toppa, non è che posso dire il contrario...speriamo in una ripresa con un film migliore e magari più ispirato.
DA EVITARE.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…