Passa ai contenuti principali

Disturbia

E' il film che ha rivelato al mondo Shia La Beuf, e nonostante il plot non sia originale presenta una costruzione di alta tensione capace di incollare sullo schermo dall'inizio alla fine.
DJ Caruso, che già aveva preso la strada del Thriller grazie al film con Angelina Jolie Identità violate, torna a percorrerle con questa pellicola che cita moltissimo il capolavoro di Alfred Hitchcock, madre di tutti i Thriller moderni La finestra sul cortile.
Modificando contenuti ambientazione e forma, il prodotto si presenta come un thriller ben calibrato, adatto ad un pubblico che ama le emozioni forti, ma che vuole anche divertirsi con personaggi freschi di cui è capace di identificarsi.
Il protagonista è un giovane agli arresti domiciliari per aver picchiato il suo professore di spagnolo, ma ci sono delle cose che lo insospettiscono. Comincia a pensare che il suo vicino di casa abbia assassinato la moglie, e allora comincia a spiarlo con i mezzi che ha a disposizione, anche grazie all'aiuto di un amico e della sua vicina di casa di cui è segretamente innamorato. Riuscirà il nostro eroe a smascherare gli scheletri dell'armadio del suo vicino di casa e scoprire se ha effettivamente ucciso la moglie?
Questo film è davvero appetitoso, una di quelle pellicole da guardare e da collezionare, tra i tanti motivi per farlo ci sono personaggi intriganti, una trama avvincente e una regia con le palle, la ciliegina sulla torta è ovviamente Shia La Beuf, che mostra di saper prendere il protagonista del film e trasformarlo: dal ragazzo irrequieto che picchia il professore, al ragazzo che accorgendosi che qualcosa non quadra, cerca di capire cosa effettivamente sia successo. Inutile dire che il sospetto e le ricerche modificheranno il corso della sua maturità, guarderà dentro se stesso e osserverà con maggiore attenzione le persone che vivono accanto a lui. Persino la sua stessa madre, con cui vive e dopo la morte del padre cerca di ricostruirsi una nuova vita.
Saranno anche i suoi amici che si muoveranno al posto suo ad entrare e osservare cosa si cela nella abitazione del misterioso vicino, essi sono il mezzo per cercare come un detective astuto gli indizi che potranno smascherare il colpevole? Ci riusciranno?
DJ Caruso cammina su un terreno minato, ma lui riesce a giocare con Hitchcock in maniera brillante e coinvolgente, con una trama ad alta tensione che non confina mai nel già visto e non è per nulla scontata; ha una sua logica che lo spettatore segue dall'inizio alla fine, anche se si tratta di un soggetto non proprio originale, riesce a mescolare le carte in tavola, sin dall'inizio con la tragica morte del padre, per poi approdare su un terreno più leggero fino all'inizio dell'intrigo, la parte centrale da cardiopalma e la fine, che sarà ricca di sorprese che ovviamente non vi dirò...per saperlo guardate il film.
DA COLLEZIONARE.




Commenti

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.