Passa ai contenuti principali

CineClassics - Piccole Donne

Io adoro parlare di ogni tipo di film, dalle nuove uscite ai classici del passato, per questo è nata la rubrica CineClassics, perché dalle mie parti, nessuna pellicola deve saltare la mia visione, almeno per quanto mi riguarda, non so voi, ma io preferisco fare così alla fabbrica.

E stasera torna CineClassics, e ho selezionato per voi il classico interpretato da Katharine Hepburn, che grazie a questo film è entrata nella lista delle mie attrici preferite.
Dire che questa attrice è grande è dire poco, e se lo dico io ci dovete credere, già da giovanissima ha dimostrato un enorme talento nella recitazione, e questo film mi è entrato nel cuore proprio.
Non è come un vecchio classico che ogni tanto lo vedi, e poi ti emozioni, piangi e riempi i fazzoletti, no, è un film che entra di diritto nella lista dei tuoi film della vita, e non ci sono lacrime, ma solo consapevolezza non di assistere ad un classico, ma di vedere un grandissimo capolavoro, di quelli che una volta visti non li dimentichi più.
Per me ha rappresentato sia la conoscenza della grande Katharine Hepburn, sia di Cukor, regista che da ora in poi terrò ben saldo tra quelli che voglio conoscere.
La leggerezza di questo film non è civetteria, ma semplicità, e la capacità di un grande regista di saper essere leggero nella narrazione del film, senza risultare frivolo, ma conservando lo spirito del romanzo di Louisa May Alcott, con una marcatissima impronta personale.
Facendo di questo un classico che ogni ragazza dell'epoca, avrà sicuramente visto.
E pensare che io piccole donne l'ho conosciuto tramite i cartoon giapponesi da bambina, ma col tempo e con la passione cinefila, ho visto anche i film.
Per me rappresenta un nuovissimo punto di partenza, ancora oggi che ho 44 anni, ho potuto constatare che la passione cinematografica, non smette mai di sorprendere e stupire.
Per me è imperdibile, vi consiglio vivamente la visione, non ve ne pentirete.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.