Passa ai contenuti principali

Il Sole a Mezzanotte

Ed ecco la rece di oggi, in ritardissimo lo so, ma ho avuto diverse cose da fare...comunque eccomi anche oggi a recensire film, stasera recensisco Il Sole a Mezzanotte, nuovo film di Scott Speer, che è incentrato sulla storia d'amore di due ragazzi, ma che lei è affetta da una rara malattia, che le rende letale l'esposizione alla luce del sole, anche se in minima quantità.
Durante il giorno sta a casa, curata amorevolmente dal padre, la notte esce e incontra gli amici.
Suona la chitarra e scrive canzoni, perché il suo sogno è quello di essere una cantante.
In una di queste notti in cui esce con gli amici incontra un ragazzo e i due si innamorano, ma lei deve fare di tutto per nascondergli la sua malattia, ci riuscirà?

Ok, quest'anno c'è la moda dei film d'amore in cui lei è ammalata?
Perché già con il film recensito ieri anche lei era ammalata di cancro però, in questo la protagonista cerca in tutti i modi di vivere una vita normale, nascondendo la malattia al ragazzo, e questo segreto prima o poi verrà fuori, e dovrà fare i conti con la sua realtà e la sua vita.
Riusciranno a restare insieme nonostante tutto?
E Kathy, quale scelta farà pur di non soffrire più? Guarirà? Riuscirà a capire dove sta il suo cuore?
Ai posteri l'ardua sentenza.
Devo dire che questo film mi è piaciucchiato parecchio e me lo sono goduto tutto d'un fiato come il film recensito ieri, devo dire però che la trama apparte la malattia non si discosta da miriadi di film sull'argomento, e questo penalizza di molto la pellicola, che se fosse stata impostata bene, ne avrebbe guadagnato parecchio, però bene o male si fa vedere bene.
Non mi aspettavo granchè devo dire la verità, ma ho apprezzato di molto i due protagonisti, anche se la struttura narrativa non era del tutto originale, e il film stesso non presentava nessuna innovazione o variazione sul tema.
Peccato, comunque se lo volete vedere non ne rimarrete delusi, a meno che non abbiate gusti diversi dai miei e non vi piacciono le storie derivative.






Commenti

  1. Non disdegno il genere, ma questa volta la noia per la piattezza generale - dalla recitazione alla trama - ha purtroppo avuto la meglio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.