Passa ai contenuti principali

Loro 1

Sapete benissimo che nel bene o nel male, Berlusconi non è stato solo un imprenditore, (forse) aiutato dalla mafia per diventare ricco sfondato, diventato premier, per non andare in bancarotta e in galera.
Questa prima parte del lungo film diviso di sorrentino si concentra per lo più, su chi gli sta intorno, o meglio su chi vorrebbe dargli puttane e droga in cambio di favori.
La figura di Sergio Morra, che per lui Berlusconi è Dio, fa di tutto per farsi notare, comprando o affittando, non si è capito bene questo, una villa vicino alla sua.
Dopo un ora appare lui, il cavaliere, interpretato da Tony Servillo, che ha tutta l'aria di essere un arrogante arricchito, che tratta tutti come fossero suoi servi, li disprezza come fossero insetti da schiacciare.
Abituato a comandare tutti, non è capace di tenere la moglie Veronica al guinzaglio.
Lei lo disprezza e lo sopporta a stento, ma il matrimonio è finito, e lui si comporta come un patetico pagliaccio in tutti i suoi tentativi di riconquistarla, quando a riconquistare ormai non c'è più niente.
Poi, prima che "il cavaliere" appare, ci sono tutte queste donne che la darebbero al sultano di turno pur di arrivare, magari avere una parte in un film,o fare la velina in tv, o peggio ancora...candidarsi in politica.
L'italia di sorrentino è un paese senza più valori, dove contano più i soldi che il cuore della gente, dove contano più le raccomandazioni, e gli aiuti sotto banco, che il merito, dove conta l'apparenza, invece che la verità e la menzogna anziché la giustizia.
Un intero paese nelle mani dell'uomo sbagliato, ha accecato gli italiani, dandogli l'illusione che si può ottenere tutto leccando il culo al politico di torno.
Un italietta, paese ormai ridotto a macchietta, e una repubblica delle banane,che ha fatto ridere mezzo mondo.
Il fatto che un italiano abbia diretto un film del genere fa pensare, e anche molto...fa riflettere l'assoluta mancanza di moralità di onestà di un personaggio che non crede a niente, se non al dio denaro, e ha il potere di sottomettere chiunque, patetica la scena di un politico che ha violentato la ragazza con cui scopava che si inginocchia all'imperatore Silvio, pur di uscirne.
Questa è l'italia di oggi, um paese senza dignità e senza moralità, mi duole dirlo ma è la verità.
Aspetto di vedere la seconda parte per avere alcune mie conferme, cmq non ditemi niente nell'attesa, perché non voglio che mi rovinate la sorpresa.





Commenti

  1. Piaciuto parecchio, nonostante mi manchi la seconda parte per un disegno completo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me è piaciuto, secondo me con la seconda parte avremmo un quadro più chiaro :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.