Passa ai contenuti principali

Ella & John - The Leisure Seeker

CB01, mio sito di riferimento per la visione di film, si è finalmente svegliato, appena hanno inserito Ella & John, non me lo sono fatto scappare, e me lo sono goduto.
Innanzitutto Virzì, è un regista che sorprende sempre, sin dal suo esordio a casa Lynch, ha sempre trovato spazio tra i miliardi di film ancora da vedere e quelli che vedo di solito o rivedo.
Nel cuore di questa cinefila ormai attempata, (non vecchia precisiamo, i miei anni sono quasi 44, tra meno di una settimana), il regista toscano di origine palermitana, ha sempre trovato spazio, e visto praticamente quasi tutti i suoi film. (Devo vedere ancora My Name is Tanino, ma credo che ben presto provvederò al recupero.

Allora, come è andata la trasferta americana di Paolo?
E' andata benissimo, il film l'ho trovato crepuscolare, nostalgico, malinconico, con due vecchietti ormai malati terminali, che decidono di scappare letteralmente per la cosidetta "Botta di vita" prima di andare via.
I protagonisti sono due giganti del cinema americano, Helen Mirren, che adoro, e Donald Sutherland, attore che apprezzo moltissimo, che nonostante tutti gli acciacchi, decidono di fare un ultima vacanza, che non potrebbero assolutamente fare, visto che sono malati, lui dimentica praticamente tutto, lei è malata terminale di cancro, insomma questo viaggio per i figli è una follia, ma loro lo fanno ugualmente, e sono alla ricerca di un ultima felicità, prima della fine, e ho spoilerato pure il finale, anzi, non l'ho detto mica.
In fondo nella vita, bisogna pure osare, toccare il cielo con un dito un ultima volta, divertirsi, viaggiare, con una roulotte mezza scassata, l'importante è stare insieme per un po' di tempo, e allontanarsi dai drammi della vita.
Alla fine riusciranno a capire cosa volevano davvero, lei capisce che lui aveva un altra, lui capisce che la moglie è l'unica che ha amato davvero, finchè capiscono davvero di amarsi anche dopo tutte le stronzate successe, dopo i litigi, le riappacificazioni e via dicendo.
Un film davvero sorprendente, e originale, divertente, buffo, triste, cazzuto, e molto ma molto empatico.
Come non identificarsi con i due protagonisti?
D'altronde i film del  buon vecchio Paolo Virzì bene o male sorprendono sempre e sono capaci di entrarti nel cuore.
Per me è una pellicola che merita di essere vista.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.