Passa ai contenuti principali

CineClassics - Splendore nell'erba

Eccezionalmente di giovedì, e anche domani, se mi riesce, c'è cineclassics, la rubrica dove recensisco tutti i film usciti dal 1900 al 1969, e stasera recensisco il capolavoro del grande Elia Kazan: Splendore nell'erba.


Esordio al cinema di un attore bravissimo: Warren Beatty, che interpreta un ruolo che mi ha letteralmente conquistata, quello di Bud, un bravo ragazzo, di una famiglia altolocata, che innamorato di Deanie, una giovanissima Natalie Wood, che dimostra un talento eccezionale, intende sposarla, e vivere felice.
A contrastarlo è il padre che sogna per lui un futuro migliore, ma anche Deanie, non se la passa al quanto bene, perché nella sua famiglia molto religiosa, tengono molto all'apparenza e alla morale, dimenticando che gli esseri umani provano emozioni, e queste devono essere espresse, la ragazza reprime i suoi sentimenti, e questo la porterà vicino a un esaurimento nervoso.
Intanto Bud, va all'università, diventa il quaterback della squadra di football, insomma fa ciò che il padre gli ha detto, e anche lui è infelice.
Inoltre la famiglia di Deanie, tenta di evitare in tutti i modi che la ragazza non segua l'esempio della sorella, che è senza freni e si butta tra le braccia di un uomo all'altro.
Il film di Elia Kazan, analizza in maniera spietata, la società americana attraverso la critica alle convenzioni sociali, che vengono imposte ai due giovani, che alla fine devono andare avanti con ciò che la vita e soprattutto gli imprevisti serbano loro, dimenticando persino il loro amore.
Un finale amaro e realistico per un film che è un autentico pugno nello stomaco, e all'inizio degli anni sessanta, rappresentava una novità e una innovazione praticamente sgradita a Hollywood.
Per questo non ci sono facili soluzioni, perché la pellicola non vuole dare il contentino al pubblico, anzi lo vuole oltraggiare con la realtà, con la verità del seguire stupide abitudini, di seguire non i propri sogni, ma ciò che gli altri decidono per noi e accontentarli, cosa che in un futuro prossimo li porterà alla repressione e all'infelicità.
La lezione del film è quella di vivere la vita all'ombra dei genitori, di quello che si aspettano da noi, non di realizzare i nostri sogni, di esprimere i nostri sentimenti, e questo porta i due giovani a lasciarsi, non avendo il coraggio di lasciare perdere quello che gli altri si aspettano da noi, ma ciò che noi vogliamo dalla vita.
E sono pochi quelli che riescono a farlo.
Un ritratto amaro di un amore triste, che segna l'inizio della critica al cosidetto sogno americano, che altri non è che un illusione, perché un conto è vivere seguendo il nostro cuore, un altro è vivere seguendo quello che gli altri sognano per noi.
Non dobbiamo mai vivere la vita all'ombra degli altri, ma esprimere noi stessi in base a quello che vogliamo noi.
In sintesi è questa la lezione di Kazan, che ci regala un altro magistrale film.
Da non perdere.






Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.