Passa ai contenuti principali

CineClassics - Vacanze Romane

Anche oggi c'è CineClassics, rubrica che ripesca i film del passato, e oggi ho selezionato per voi, un classico della commedia americana: Vacanze Romane, con Gregory Peck e Audrey Hepburn.

Una commedia che è ormai un classico come ho detto poco fa, e che rivista dopo 64 anni, sprigiona una magia sempre nuova, capace di conquistare e colpire al cuore.
La storia di una principessa ribelle, che per scappare ai suoi obblighi di rango, si imbatte nel giornalista che la deve intervistare, e alla fine i due si innamorano pure, senza pensare che lui, dopo che ha saltato l'appuntamento con la principessa, capisce che la ragazza che ha fatto dormire a casa sua è proprio quella principessa scappata, all'inizio cerca di organizzare un imbroglio per poi piantarla in asso; poi capisce che deve proteggerla dagli avvoltoi, ci sarà un happy end?
Il film di William Wyler, riesce nell'intento di conquistare il pubblico grazie alla semplicità della storia messa in scena, e alla simpatia dei protagonisti, tra cui una splendida Audrey Hepburn, capace di incantare il pubblico ancora oggi.
Questo è un film a cui davo la caccia da parecchio tempo, senza mai riuscire a beccare il file giusto, alla fine l'ho beccato dopo averlo visto in streaming su mondo lunatico, ed è diventato dopo la visione uno dei miei cult assoluti.
La cosa che mi ha più colpito, è la speranza di poter vivere in libertà, anche solo per un istante, anche se la fine mi ha rattristita un po'.
Non dico nulla per non rovinarvi la sorpresa, ma vi garantisco che vale la pena vederlo, soprattutto per i due protagonisti,e poi la regia di Wyler, l'ho trovata a dir poco favolosa.
Perché questo film è una favola semplicissima, forse un po' capricciosa, ma solare, allegra e spensierata, e ci vuole ogni tanto vedere film del genere.
Lo ribadisco, Audrey Hepburn, non è solo favolosa, ma tenera, e romantica, l'eroina giusta per un film che si presenta come una semplice favola, adatta a tutte le età.
Magnifico.



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.