Passa ai contenuti principali

Loro 2

Negli ultimi vent'anni ne abbiamo sentite di tutti i colori sull'italia, repubblica delle banane, Berlusconi bottegaio italiano, piazzista italiano e via dicendo.
Loro 2 si concentra su Berlusconi come uomo di potere, in cui tutti si genuflettono ai suoi piedi, perché è l'uomo più ricco d'Italia, e sono servili, e in più è anche premier, anzi, ex premier, visto che ha perso le elezioni e gli servono 6 senatori per fare cadere il governo.

Berlusconi è anche un uomo molto solo, che deve combattere con la moglie Veronica che ha deciso di divorziare visto che si è accorta della sua piccolezza e che frequenta minorenni, lei, ancora più depressa di lui, si rende conto di vivere come prigioniera dorata in un mondo gestito da un piccolo uomo, che senza soldi e potere non è nessuno e che tutti gli altri gli vanno dietro perché è Berlusconi, presidente del consiglio dei ministri e uomo più ricco d'italia.
La peculiarità della pellicola di Paolo Sorrentino, si concentra sull'uomo arricchito, sui suoi festini pieni di donne a cui regala collane con il ciondolo a farfalla, da vedersi anche il patetico ballettino sulle note di Slow, cantata da Kylie Minogue.
L'italia descritta da Paolo Sorrentino, è un patetico paese genuflesso davanti al magnate Berlusconi, che si circonda di puttane e papponi per il suo divertimento, in politica fa e disfa quello che vuole, la scena migliore è quella con la ragazza di vent'anni che gli fa capire di comportarsi come un uomo della sua età, e non come un ragazzino, lasciandolo solo.
Quella ragazza è l'unica ad avere un cervello, gli altri sono gente che per i soldi venderebbe la propria madre anche per due centesimi, e farebbe la qualsiasi.
L'italia di Berlusconi, ritratta come quella che è, un paese rozzo, ignorante e genuflesso al potente di turno, l'altra scena più bella, è il confronto liberatorio con la moglie Veronica, dove lei gli dice in faccia quello che pensa di lui, che è un patetico vecchio bavoso, e che con lui c'è rimasta soltanto per amore.
Un ritratto spietato e sincero diretto da un regista che ha centrato in pieno il Berlusconismo in Italia, e che ovviamente si è documentato sui fatti relativi al suo governo, anche se la storia come dice la didascalia iniziale, è romanzata.
Per me è un gradino di sotto a La Grande Bellezza, ma resta ugualmente una pellicola da vedere.







Commenti

  1. Se solo fosse stato un unico film... Ho apprezzato maggiormente la seconda parte rispetto la prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si la seconda completa il tutto diciamo, si tratta comunque di un ritratto spietato di Berlusca, che sembra una mummia, se non avesse i soldi che ha non sarebbe nessuno.

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.